Frasi del film Il curioso caso di Benjamin Button


Le più belle e celebri frasi del film "Il curioso caso di Benjamin Button", film drammatico-sentimentale del 2008 con Brad Pitt e Cate Blanchett.

«La nostra vita è determinata dalle opportunità, perfino da quelle che non cogliamo.»
(Tagline del film)

Titolo Originale:
"The Curious Case of Benjamin Button" (2008)
Genere: Film drammatico, sentimentale, fantasy
Regia di: David Fincher
Protagonisti: Brad Pitt, Cate Blanchett

Trama breve: 
Il giorno in cui l'uragano Katrina colpisce New Orleans, un'anziana Daisy Williams (nata Fuller) è sul letto di morte in un ospedale della città. Al suo fianco vi è la figlia adulta, Caroline. Daisy chiede a Caroline di leggerle a voce alta il diario del suo caro amico, Benjamin Button. Il diario di Benjamin racconta tutto della sua straordinaria vita, un bizzarro essere umano nato con l’aspetto di un ottantenne che crescendo, invece di diventare ancora più vecchio, ringiovanisce: un’esistenza decisamente complicata, destinata a soffrire e far soffrire…
(Scheda completa)


Frasi celebri

Tu sei diverso da tutti quelli che ho conosciuto... (2° Tagline)

Le nostre vite sono determinate dalle opportunità, anche da quelle che ci lasciamo sfuggire. (Benjamin Button)

Il colibrì non è un uccello come gli altri: ha un ritmo cardiaco di 1200 battiti al minuto, le sue ali sbattono ottanta volte al secondo. Se gli impedisci di battere le ali, lui muore in meno di dieci secondi. Questo non è un uccello qualunque, questo è una specie di miracolo. Hanno rallentato le sue ali col cinematografo e sapete cosa hanno visto? Che le punta delle ali fanno così, eh? [mimando il gesto con le mani] E cosa rappresenta il numero otto come simbolo matematico? L'infinito! (Capitano Mike Clark)

[Ultime parole] Uno si può incazzare quando le cose vanno così. Si può bestemmiare, maledire il destino, ma quando arriva la fine non resta che mollare. (Capitano Mike Clark)

Ti puoi incazzare per come vanno le cose. Puoi bestemmiare, maledire il fato, ma quando arrivi alla fine non resta che mollare. (Benjamin Button)

Per quello che vale, non è mai troppo tardi, o nel mio caso troppo presto, per essere quello che vuoi essere. Non c'è limite di tempo, comincia quando vuoi, puoi cambiare o rimanere come sei, non esiste una regola in questo. Possiamo vivere ogni cosa al meglio o al peggio, spero che tu viva tutto al meglio, spero che tu possa vedere cose sorprendenti, spero che tu possa avere emozioni sempre nuove, spero che tu possa incontrare gente con punti di vista diversi, spero che tu possa essere orgogliosa della tua vita e se ti accorgi di non esserlo, spero che tu trovi la forza di ricominciare da zero. (Benjamin Button)

Proprio in quel momento si rese conto che nessuno è perfetto per sempre e trovò la pace. (Benjamin Button)

Niente è per sempre, niente dura! (Benjamin Button)

Mi sembra di avere vissuto tutta una vita, però non me lo ricordo… (Benjamin Button)

Hai imparato qualcosa che si può raccontare? (Daisy)

La danza sta tutta nella linea. La linea del corpo. Prima o poi si perde la linea... e non si recupera più. (Daisy)

Prima o poi tutti finiamo con il pannolone. (Daisy)

Ci sono creature destinate a non sopravvivere.

Certe cose non si dimenticano mai.

La nostra vita è delimitata dalle opportunità… perfino da quelle che non cogliamo! (Benjamin Button)

A volte a nostra insaputa ci troviamo diretti verso un precipizio, sia che ciò avvenga per caso o intenzionalmente, non possiamo fare niente per evitarlo...
Una donna a Parigi stava uscendo a fare compere, ma aveva dimenticato il soprabito e tornò indietro a prenderlo. Mentre era lì squillò il telefono, e lei rispose e parlò per un paio di minuti. Mentre la donna era al telefono, Daisy stava preparando uno spettacolo per L'Opéra de Paris, e mentre lei ballava, la donna finito di parlare al telefono era uscita per prendere un taxi.Un tassista poco prima aveva scaricato un clienti e si era fermato a prendere un caffè, e intanto Daisy continuava a provare. E questo tassista che si era fermato per un caffè prese a bordo la donna che andava a fare compere e che aveva perso l'altro taxi. Il taxi dovette fermarsi per un uomo che stava andando a lavoro in ritardo di 5 minuti perché si era dimenticato di mettere la sveglia. Mentre quell'uomo in ritardo attraversava la strada, Daisy aveva finito le prove e si stava facendo la doccia, e mentre daisy si faceva la doccia il taxi aspettava la donna che era entrata in una pasticceria a ritirare un pacchetto che però non era pronto perché la commessa si era lasciata col fidanzato la sera prima e se n'era dimenticata. Ritirato il pacchetto la donna era rientrata nel taxi, ma rimase bloccato da un furgone. E intanto Daisy si stava vestendo. Il furgone si spostò e il taxi potè ripartire. Mentre Daisy ultima a vestersi si fermò ad aspettare un'amica alla quale si era rotto un laccio. Mentre il taxi era fermo a un semaforo, Daisy e la sua amica uscirono dal retro del teatro. Se solo una cosa fosse andata diversamente, se quel laccio non si fosse rotto e se quel furgone non si fosse spostato un momento prima o se quel pacchetto fosse stato pronto perché la commessa non si era lasciata col fidanzato o quell'uomo avesse messo la sveglia e si fosse alato 5 minuti prima o se quel tassista non si fosse fermato a prendare il caffé o se quella donna si fosse ricordata del soprabito e avesse preso un taxi prima... Daisy e la sua amica avrebbero attraversato la strada e il taxi sarebbe sfilato via.
Ma la vita essendo quello che è, aveva creato una serie di corcostanze incrociate e incontrollabili, per cui quel taxi non sfilò via e quel tassista si distrasse un momento. E così quel taxi investi Daisy e la sua gamba fu spezzata. (Benjamin Button)

Non sai mai cosa c'è in serbo per te! (Queenie)

È buffo tornare a casa. Tutto ha lo stesso aspetto, lo stesso odore, ti dà la stessa sensazione di sempre. Ti rendi conto che l'unico ad essere cambiato sei tu. (Benjamin Button)

È inutile continuare a soffrire.

È strano come a volte le persone che ricordiamo di meno hanno l'impatto maggiore su di noi. (Benjamin Button)

Non è tanto importante suonare bene, quanto sentire quello che stai suonando.

Non stare a sentire storie da nessuno... devi fare quello per cui sei nato.

Crescere è una cosa strana. Ti coglie di sorpresa. Conosci una persona e poi all'improvviso te ne trovi di fronte un'altra.

È naturale perdere le persone che amiamo... non sapremo quanto sono importanti per noi se no.

Un albergo nel pieno della notte può essere un posto magico...

Sono cieco da un occhio, sono quasi sordo, mi prendono i tremori all'improvviso, mi dimentico quello che sto dicendo... però, sai una cosa? Dio mi ricorda che ho la fortuna di essere vivo. (Signor Daws)

C'è un senso di pace, perfino di serenità, nel sapere che le persone che ami dormono nei loro letti dove niente può fargli del male. (Benjamin Button)

Io aspettavo, sai? Credendo che avrei fatto qualcosa per cambiare la mia condizione. Qualsiasi cosa. È un terribile spreco. Non si recupera mai il tempo sprecato.

Ecco le mie ultime volontà e testamento. Non ho molto da lasciare, pochi beni e meno denaro. Me ne andrò da questo mondo così come ci sono venuto... solo e senza niente. L'unica cosa che ho è la mia storia e la sto scrivendo ora finché mi regge la memoria. Mi chiamo Benjamin, Benjamin Button e sono nato in circostanze singolari. (Benjamin Button)

Stavo pensando che nella vita niente dura... e questo è un gran peccato. (Benjamin Button)

I giorni passavano e io lo osservavo mentre lui disimparava a camminare e a parlare... Nel 2002 installarono un nuovo orologio in quella stazione. Venne la primavera nel 2003, lui mi guardò e io capii che aveva capito chi ero e poi chiuse gli occhi come se si stesse addormentando. (Daisy)

C'è chi nasce per star seduto sulla riva di un fiume, c'è chi viene colpito dal fulmine, c'è chi ha orecchio per la musica, c'è chi è artista, c'è chi nuota, c'è chi è esperto di bottoni, c'è chi conosce Shakespeare, c'è chi nasce madre e c'è anche chi danza! (Benjamin Button) [voce fuoricampo mentre vengono mostrati in rassegna tutti i personaggi conosciuti da Benjamin nel corso del film]



Dialoghi

  • Daisy: Cosa si prova a ringiovanire?
    Benjamin: Non saprei dire... io mi vedo sempre con gli stessi occhi...
  • Daisy: Sei così giovane.
    Benjamin: Solo dall'esterno.
  • Benjamin: Certi giorni, io mi sento diverso dal giorno prima.
    Queenie: Capita a tutti di sentirsi diversi in un modo o nell'altro, ma andiamo tutti nello stesso posto, solo che per arrivarci prendiamo strade diverse...
  • Daisy: Non hai detto neanche una parola.
    Benjamin: Per non rovinare tutto.
  • Daisy: Buonanotte Benjamin.
    Benjamin: Buonanotte Daisy.



Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".


© Frasifilms.com - Frasi film, serie tv, cartoni animati! © 2021, diritti riservati di Andrea Sapuppo
P. IVA 05219230876

Policy Privacy - Cambia Impostazioni Cookies