Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV






Ogni film contiene una frase, un monologo, una scena che rimane impressa nella mente. Qui potete trovare le migliori frasi, le più belle citazioni e i monologhi di film, serie tv e cartoni animati. Inoltre le schede dei film contengono anche info aggiuntive come la lista degli interpreti e dei personaggi, le curiosità, il giudizio personale sul film, la colonna sonora e la spiegazione del finale e delle parti più ingarbugliate.

Frasi e argomenti più letti

Migliori film con Milla Jovovich



Milla Jovovich, il cui nome completo è Milica Bogdanovna Jovović (Kiev, 17 dicembre 1975), è una supermodella, attrice e cantante ucraina naturalizzata statunitense. È sposata con il regista Paul WS Anderson.


Fra i suoi migliori film vi sono:
La saga di Resident Evil,
Giovanna d'Arco,
Faces in the Crowd - Frammenti di un omicidio,
Il quinto elemento,


Di seguito trovate la lista completa di tutti i film con Milla Jovovich, compresi quelli in cui non è la protagonista e i cameo; per ogni film trovate in breve la descrizione del ruolo e del personaggio che ha interpretato.


Filmografia:

L'ultimo treno per Kathmandu (1988)

Congiunzione di due lune (1988)

Ritorno alla laguna blu (1991)

Poliziotto in blue jeans (1992)

Charlot (1992)

La vita è un sogno (1993)

Il quinto elemento (1997)

He Got Game (1998)

Giovanna d'Arco (1999)

The Million Dollar Hotel (2000)

Le bianche tracce della vita (2000)

Zoolander (2001)

Dummy (2002)

Resident Evil (2002): qui è una donna (ruolo da protagonista) che ha perso la memoria e si ritrova intrappolata in una sorta di rifugio sottoterra insieme a una squadra militare. E devono trovare un modo per uscire.

No Good Deed - Inganni svelati (2002)

You Stupid Man (2002)

Resident Evil: Apocalypse
(2004): questo è il secondo film della serie.

Trailer for a Remake of Gore Vidal's Caligula – cortometraggio (2005)

Ultraviolet (2006)

.45 (2006)

Resident Evil: Extinction (2007): questo è il terzo film della serie.

Palermo Shooting (2008) – cameo non accreditato

A Perfect Getaway - Una perfetta via di fuga (2009)

Il quarto tipo (2009)

Stone (2010)

Resident Evil: Afterlife (2010): questo è il quarto film della serie.

Dirty Girl (2010)

I tre moschettieri (2011)

Faces in the Crowd - Frammenti di un omicidio (2011)

Bringing Up Bobby (2011)

Resident Evil: Retribution (2012): questo è il quinto film della serie.

Cymbeline (2014)

Survivor (2015)

Zoolander 2 (2016)

Resident Evil: The Final Chapter (2016): questo è il sesto e ultimo film della serie.

Attacco alla verità - Shock and Awe (2017)

Future World (2018)

Hellboy (2019)

Paradise Hills (2019)
Continua a leggere »

Frasi del film Resident Evil: Apocalypse



«L'orrore continua.»
(Tagline del film)

Titolo Originale:
"Resident Evil: Apocalypse" (2004)
Genere: Film azione, fantascienza, orrore, fantastico, avventura, thriller
Regia di: Alexander Witt
Protagonisti: Milla Jovovich, Sienna Guillory, Sophie Vavasseur, Oded Fehr

Trama breve: 
Alice si risveglia nell'ospedale cittadino di Racoon City dopo che la città è stata invasa dagli zombi, e ora deve uscire dalla città dal momento che all'alba Raccoon City verrà bombardata con un ordigno nucleare. È una corsa contro il tempo...
(Scheda completa)


Frasi celebri

Mi chiamo Alice, lavoravo per la Umbrella Corporation, la più grossa e la più potente società commerciale al mondo. Ero a capo della sicurezza in uno stabilimento segreto ad alta tecnologia chiamato "l'Alveare". Un gigantesco laboratorio sotterraneo per la ricerca sperimentale sulle armi batteriologiche. Ma c’è stato un incidente: il virus si è propagato, sono morti tutti. Il problema è che... sono resuscitati. (Alice)

Pensavamo di essere sopravvissuti all'orrore... ma ci sbagliavamo. (Alice)

Siamo oggetti da manovrare, beni sacrificabili, e ci hanno sacrificati. (Carlos Olivera)

Qualcuno mi levi questa cagna di dosso! (LJ)

Sono infetti! Te l'ho detto, sparagli in testa. (Jill Valentine)

[Ad Alice] Sei stata davvero forte! Io sono brava ma non così brava. (Jill Valentine)

[Investe uno zombie con l'auto] Crepa in pace, figlio di puttana! Oh sì, 10 punti! (LJ).

[Dopo aver eliminato l'intera squadra S.T.A.R.S.] STARRRS! (Nemesis)

[Alice e Carlos hanno le pistole puntate l'una contro l'altra, LJ arriva da dietro] Non sparare, non sparare. È apposto. Ha fatto un accordo con il Dottor Apocalisse, come voi. (LJ)

Non sei una mutazione, sei un'evoluzione. (Maggiore Cain)

[Riferendosi al progetto fallito Nemesis] L'evoluzione ha i suoi vicoli ciechi. (Maggiore Cain)

Il mio nome è Alice. E mi ricordo tutto. (Alice)

[Verso la fine] È un prodotto della Umbrella Corporation. Il nostro interesse è la vita. Ci possono essere effetti collaterali.



Dialoghi

  • [LJ entra in un edificio ed è circondato da 12 membri STARS]
    LJ: Cazzo! Forse ero più sicuro là fuori. Toglietemi queste cazzo di armi dalla faccia.
    [un ufficiale STARS gli consegna un fucile]
    LJ: Ma fammi quel cazzo di un favore...
    [apre la giacca rivelando due pistole d'oro]
    LJ: Guarda. Questa sì che è roba seria.
  • Squadra S T.A.R.S: Formazione di difesa. Abbattetelo!
    [dopo aver sentito gli STARS che pianificano di abbattere Nemesis]
    LJ: Ma che cazzo volete fare? Quel grosso figlio di puttana ha un lanciamissili!
  • Maggiore Cain: Sono sorpreso che ci sia ancora qualcuno vivo.
    Tech: Sono della S T.A.R.S, squadra speciale tattica di salvataggio. Sono i migliori.
    Maggiore Cain: Vediamo se sono davvero i migliori.
    [Viene ordinato a Nemesis di uccidere la squadra S.T.A.R.S]
  • LJ: [con le mani alzate in segno di resa] Rispetto!
    Nemesis: Aaaurghhhh ... Civile armato: minaccia minima.
    [LJ lascia cadere le sue pistole personalizzate a terra]
    Nemesis [analizza di nuovo LJ e se ne va]: Non combattivo: minaccia zero.
  • Alice: C'è qualcosa liggiù.
    Jill Valentine: dove?
    Alice: Lì.
    Peyton Wells: Io non vedo niente.
    Alice: Beh, questo comunque non cambia il fatto che ci sia "qualcosa" liggiù.
  • [Carlos tossisce]
    Alice: Quando sei stato morso?
    Carlos Olivera: Tre ore fa.
    LJ: Ma che cazzo?!?!
    Alice: È il tuo giorno fortunato.
    LJ: [a Carlos] Dovevi dirmelo, figlio di puttana! Io me ne vado a spasso con te tutto tranquillo!
  • Maggiore Cain: Perché non siamo ancora partiti?
    [raggiunge il sedile del pilota e il "pilota" si gira]
    LJ: Perché di solito guido una Limousine!
    [prende a pugni il Maggiore Cain]
  • Maggiore Cain: [mentre Alice si prepara a buttarlo fuori dall'elicottero] Aspetta! Uccidere me non risolverà niente.
    Alice: No, ma almeno è un inizio!
Continua a leggere »

Tolo Tolo (2020)



Tolo Tolo è un film commedia del 2020 diretto e interpretato da Checco Zalone.





Trama

L'imprenditore pugliese Checco Zalone rifiuta il reddito di cittadinanza in quanto disoccupato per aprire improbabile ristorante giapponese chiamato "Murgia&Sushi", ma dopo un solo mese di attività è costretto a chiudere travolto dai debiti. Per sfuggire ai suoi creditori, per lo più i suoi parenti, decide di partire per l'Africa. Qui trova lavoro in una località turistica dove incontra Idjaba, una ragazza di colore, e Oumar, un cameriere con la passione per i vecchi film sul neorealismo italiano. Quando i terroristi attaccano la zona, Checco non ha altra scelta che migrare con i suoi amici.

Paese: Italia
Durata: 90 min
Voto: 6
Guarda il 🎬 TRAILER ►


Commento

Come al solito, Zalone cerca di "educare" il pubblico impersonando personaggi che riflettono alcuni dei peggiori stereotipi e comportamenti italiani. Questa volta il tema principale è l'immigrazione dall'Africa. Il film è pieno di battute irriverenti e gag che mirano al politically correct, ipocrisia, razzismo, sostenitori di odio, giornalismo da quattro soldi, il peso dell'Italia nell'Europa ecc.. Sebbene ci si aspetterebbe un po' di drammaticità, dati i problemi affrontati, questa è una commedia e il mio consiglio è quella di non prenderla troppo sul serio. Personalmente, la fine non mi è piaciuta (poco originale) e devo ammettere che i film precedenti di Zalone (diretti da Nunziante) erano probabilmente realizzati meglio. Tuttavia, il film è divertente e offre spunti di riflessione.

Avvertenza [T]: scene di razzismo in chiave ironica, ma pur sempre razzismo è. Una donna si presume che si sia prostituita per soldi.



Spiegazione




Interpreti e personaggi

Checco Zalone (Pierfrancesco 'Checco' Zalone), Souleymane Sylla (Oumar), Manda Touré (Idjaba), Nassor Said Birya (Doudou), Alexis Michalik (Alexandre Lemaitre), Arianna Scommegna (Nunzia), Antonella Attili (signora Lella), Gianni D'Addario (Luigi Gramegna), Nicola Nocella (avvocato Russo), Sara Putignano (Nicla, prima moglie), Diletta Acquaviva, (Barbara, seconda moglie), Maurizio Bousso (ragazzo di Agadez), Barbara Bouchet (signora Inge), Nicola Di Bari (zio Nicola).



Curiosità

- Per il film sono stati stanziati 20.000.000 €.

- La canzone "Immigrato" di Checco Zalone ricorda la celebre canzone "L'Italiano" di Toto Cutugno.

- Il film ha incassato in totale 46.2 milioni di euro, diventando il quinto film col maggior incasso in Italia, nonché terzo film italiano (superato solo dai precedenti film dello stesso Checco Zalone, Quo Vado? e Sole a catinelle).

- Sono presenti alcuni camei con Nichi Vendola, Massimo Giletti (nello studio di Non è l'Arena) ed Enrico Mentana (nello studio del TG LA7).

- È il primo film diretto da Checco Zalone, negli altri film interpretati dall'attore comico pugliese il regista era Gennaro Nunziante.

- La pellicola si sarebbe dovuta chiamare "L'amico di scorta" ma, nel corso della produzione, un avvenimento ha sconvolto tutto. Una ripresa prevedeva che gli attori dovessero attraversare a nuoto il fiume Sabaki in Kenya. Ogni attore, stando alle direttive di Checco Zalone in versione regista, doveva nuotare "solo solo." Essendo le comparse del film di origine locale e non comprendendo l'italiano, l'interprete di Malindi ha ripetuto la frase detta poco prima da Checco Zalone ma ne ha cambiato la pronuncia, trasformandola in "tolo tolo." L'accaduto ha destato grande ilarità in Checco Zalone, che intuendo la forza di quell'errore, l'ha trasformato nel titolo della pellicola.

- Le location del film sono: Kenya (Watamu), Malta, Marocco, Puglia (Acquaviva delle Fonti, Bari, Gravina e Minervino Murge), Roma, Latina e Trieste.

- Per il film sono state usate 5.000 comparse africane prese principalmente dai centri di accoglienza.

- Il finale della canzone "La gnocca salva l'Africa" di Checco Zalone, più precisamente il ritornello "Gnocca d'Africa", ricorda vagamente il finale della canzone "Vai bene così" di Leo Gassmann, il cui testo è "asimbonanga".



Colonna sonora

  1. Immigrato (Checco Zalone)
  2. La cicogna strabica (Checco Zalone)
  3. Se ti immigra dentro al cuore (Checco Zalone)
  4. Tolo Tolo (Checco Zalone)
  5. Arrivo sposa (Checco Zalone)
  6. Asante Sana muzungu (Checco Zalone)
  7. Murgia Sadness (Checco Zalone)
  8. Walking in the Desert (Checco Zalone)
  9. Sunrise Desert (Checco Zalone)
  10. Salvate il soldato gramegna (Checco Zalone)
  11. Vagabondo (Nicola di Bari)



Frasi celebri

Continua a leggere su Le più belle frasi del film Tolo Tolo
Continua a leggere »

Frasi del film Tolo Tolo



«Immigrato. Quanti spiccioli ti ho già dato»
(Frase promozionale del film)

Titolo Originale:
"Tolo Tolo" (2020)
Genere: Film commedia
Regia di: Checco Zalone
Protagonisti: Checco Zalone, Manda Touré

Trama breve: 
Pierfrancesco "Checco" Zalone, un imprenditore fallito e travolto dai debiti, cerca una nuova vita come cameriere in un villaggio turistico in Africa, ma l'apparizione dell'ISIS lo costringe a spostarsi di nuovo.
(Scheda completa)


Frasi celebri

Mamma, io sono diverso. Io non posso essere assistito dal popolo. Tu mi hai creato per assistere il popolo. (Checco)

Si chiamava Idjaba e aveva riacceso in me la voglia di amare. Delle volte avevo come l'impressione che mi respingesse, o chissà, forse la sua era solo timidezza. Ma io non ero timido. E con lei non mi sarei mai arreso. (Checco)

La vanità è un pappagallo che salta di ramo in ramo. (Omar citando Gustave Flaubert)

[Per insegnare a nuotare a Doudou] Principio di Archimede: galleggia chi ci crede. (Checco Zalone)

Vagabondo vagabondo
Qualche santo mi guiderà
Ho venduto le mie scarpe
Per un miglio di liberta
Da soli non si vive
Senza amore non morirò
Vagabondo sto sognando delirando
(Vagabondo - Nicola di Bari)

Tu puoi mettere barriere
Puoi fermarci alle frontiere
Tu puoi dire no sbarcare
Tu puoi dire affogare!
E che noi non c'ha lavoro
Siamo tutti cu i pezze a culu
Tu puoi dire quello che vuoi ma...
Se t'immigra dentro al cuore
Una ragazza di colore
Hai farfalla nella panza
E ci do 'a cittadinanza
Dici prima gli italiani
Questa legge non si tocca
Ma per gli italiani prima la gnocca
In pratica la gnocca salva l'Africa
Gnocca d'Africa
Gnocca d'Africa
Gnocca d'Africa
Gnocca d'Africa
Gnocca d'Africa
Gnocca d'Africa
Gnocca d'Africa
Gnocca d'Africa
(Se ti immigra dentro al cuore - Checco Zalone)

Il problema è quello razziale! Occorre una chiara, severa, coscienza razziale che stabilisca delle superiorità nettissime! (Checco Zalone)

Io ti spezzo le reni! (Checco Zalone)

La contraffazione è una cosa che non bisogna mai fare... se non si è cinesi. Ogni popolo c'ha le sue prerogativa, l'Africa deve vendere, non deve produrre, che la produzione poi... operai, cuneo fiscale, le tasse... (Checco Zalone)

Oumar, dì a questi rozzi individui, che nella terra del littorio la parola d'ordine è una sola, categorica e impegnativa per tutti: "raccogliere i pomodori nel foggiano, questo è il vostro destino e a prezzi concorrenziale e adeguati al vostro livello. Chiaro? Chiaro?". (Checco Zalone)

Quando senti che la fine è vicina, ti scorre davanti tutta la vita: è il momento dei bilanci. Non sapevo se erano state più le vittorie o le sconfitte, ma di una cosa ero certo, avevo sempre agito secondo i miei principi. (Checco Zalone)

Non chiedetevi, ciò che il mio paese può fare per voi... non chiedetelo, non può fare un cazzo!”

Bambini, se ben guardate, lì
Tra tutte quelle cicogne
C'è una cicogna strabica
Un po' lunatica
che sbaglia rotta e si dirige verso l'Africa
Nessun comignolo
Nessun palazzo
Perciò i bambini li consegna un poco a cazzo
E poi si mormora
A dire il vero
Che questa in Africa c'ha il suo cicogno nero
Questa cicogna, che sbaglia rotta
Oltre che strabica
È 'na mignotta
Com'è scorbutica
Com'è antipatica
Questa cicogna che ci porta tutti in Africa
Ma non pensatela
A questa cessa
Miei cari pargoli vi faccio una promessa
Mo me ne vado
Ma poi ritorno
Con cento chili di permessi di soggiorno
(La cicogna strabica - Checco Zalone)



Frasi promozionali

Immigrato, quanti spiccioli ti avrò già dato,..
immigrato, mi prosciughi tutto il fatturato.
(Checco Zalone)

  • Checco: Al semaforo sul parabrezza, c'è una mano nera con la pezza, e ritrovo quel tuo sguardo malandrino che mi dici...
    Immigrato: C'ha due euro per panino!

All'uscita del supermercato, ti ho incontrato, al distributore di benzina...Monetina! (Checco Zalone)

Poi la sera la sorpresa a casa, al mio ritorno, ti ritrovo senza permesso nel soggiorno.
Ma mia moglie non è spaventata, anzi, sembra molto rilassata. E ritrovo quel suo sguardo malandrino..
(Checco Zalone)

Immigrato, chi ha lasciato il porto spalancato?
Immigrato, ma non ti avevano rimpatriato?
(Checco Zalone)



Dialoghi

  • Agente: Cognome e nome.
    Checco: Zalone Pierfrancesco, ma scriva Checco che lui si ricorda così.
    Agente: Lui chi?
    Checco: Lo stato italiano.
  • Agente: Nato?
    Checco: Per sognare.
  • Anziano: Viva il duce!
    Zio Nicola: Sushi, si dice sushi.
  • Idjaba: Fanculo!
    Checco [meravigliato]: Conosci la mia lingua?
  • Doudou: Ginga!
    Checco: Che dice?
    Idjaba: Fanculo!
    Checco [contento]: Ah, allora è tuo figlio.
  • Oumar: Ho lasciato ogni speranza in questo villaggio..
    Checco: E io il caricabatterie!
  • Checco [sognando]: E allora quella notte sognai...
    [Oumar si ferisce accidentalmente il dito con il coltello sul posto di lavoro]
    Checco: Non farai vertenza al tuo titolare?
    Oumar: Cosa è vertenza Checco?
    [Checco vede una donna incinta]
    Checco: Tu però vai in maternità!
    Donna incinta: Maternità quando bimbo è uscito già.
    Checco sognando: Sognai un mondo guidato dal buon senso, un mondo in cui l'abile e il disabile erano uguali tanto da avere un unico bagno e dove mai nessuno si sarebbe mai lamentato.
    Checco [rivolto ad un invalido su carrozzella]: Tu non senti i tuoi diritti violati?
    Uomo in carrozzella: Io cacavo per terra fino a ieri.
  • Dottore immigrato: Abbiamo tutti il fascismo dentro di noi. Con lo stress viene fuori.
    Checco: Come la candida.
  • Checco: Come ti chiami?
    Doudou: Doudou.
    Checco: ah.. come il cane di Berlusconi
  • Alexandre Lemaitre: Ho visto tanta povertà, e i più poveri che ho conosciuto, sono quelli così poveri che hanno soltanto i soldi.
    Checco: Ma va affanculo.
  • Lamin: Senti, volevo ringraziarti. [gli dà 400€] Mio figlio mi ha detto che tu ne hai bisogno.
    Checco: Non posso accettare, e poi tu già pagherai le pensioni di noi italiani.
    Lamin: No, Checco. Io non verso i contributi INPS.
    Checco: Bhe, e allora li accetto! Mi sembra il minimo.
Continua a leggere »

Frasi del film Resident Evil (2002)



«Armati per sopravvivere.»
(Tagline del film)

Titolo Originale:
"Resident Evil" (2002)
Genere: Film azione, fantascienza, orrore, fantastico, avventura, thriller
Regia di: Paul W. S. Anderson
Protagonisti: Milla Jovovich, Michelle Rodriguez, Eric Mabius, James Purefoy

Trama breve: 
Un'unità militare speciale deve vedersela con un supercomputer fuori controllo e con centinaia di scienziati che sono mutati in creature carnivore dopo un incidente di laboratorio.
(Scheda completa)


Frasi celebri

All'inizio del ventunesimo secolo, la Umbrella Corporation è diventata la più grande potenza commerciale degli Stati Uniti.
9 case su 10 utilizzano i suoi prodotti. La sua influenza politica e finanziaria si fa sentire ovunque. Ufficialmente è il maggior fornitore di: tecnologia per computer, prodotti medici e sanitari. Ma all'insaputa dei suoi stessi impiegati i suoi profitti più consistenti derivano da tecnologia militare, sperimentazione genetica e armi batteriologiche. (Incipit)

Raccoon City, il centro urbano più vicino. La villa, dove vi abbiamo trovato e dalla quale abbiamo avuto accesso al treno, che a sua volta ci ha condotto all'alveare. L'alveare vero e proprio è situato sottoterra, a una notevole profondità sotto le strade di Raccoon City. L'alveare è un laboratorio di ricerca top secret di proprietà della Umbrella Corporation. Ospita più di 500 persone fra tecnici scienziati e personale vario. Vivono e lavorano sottoterra. Questa ricerca è della massima importanza e assolutamente segreta. (James "One" Shade)

5 ore fa la Regina Rossa ha fatto una strage. Ha sigillato l'alveare e ha ucciso tutti. Quando è stato chiaro cosa era successo, la mia squadra è stata inviata per neutralizzarla. (James "One" Shade)

Anche nella morte il corpo umano rimane attivo. I capelli e le unghie continuano a crescere, vengono prodotte cellule nuove. E il cervello stesso mantiene una piccola carica elettrica che impiega mesi a svanire. Il virus T procura una scarica potente sia alla crescita cellulare sia a quelle tracce di impulsi elettrici. In parole povere rianima il corpo. Gli individui hanno le funzioni motorie più semplici, forse un briciolo di memoria, ma letteralmente nessuna intelligenza. Sono spinti dalla pulsione più elementare, dal bisogno primario, il bisogno di nutrirsi. (Regina Rossa)

Dovrete sudarvelo il vostro pranzo! (Chad)

Nessuno di voi uscirà vivo da qui! (Regina Rossa)

Quella troia non voleva aprire la porta, perciò ho dovuto friggerla. (Chad)

Non voglio diventare uno di quegli essere che vanno in giro senza avere un'anima. Rain


Dialoghi

  • Chad: Dove sono i cadaveri? Dove sono andati?
    Rain: Qualunque cosa siano ce ne sono troppi in giro.
    Chad: Qualunque cosa siano? Mi sembra abbastanza chiaro cosa sono. Camici da laboratorio, cartellini... quelle persone lavoravano qui.
    Rain; Le persone che lavoravano qui sono morte.
    Chad: Beh, questo non gli impedisce di andarsene in giro.
  • Chad: Non si può uscire dalla camera della Regina.
    Spence: E allora aspettiamo, se non hanno vostre notizie vi mandano i rinforzi, vi vengono a prendere, no? Giusto? Che c'è? Non è così?
    Chad: Non abbiamo molto tempo.
    Rain: Hai presente quelle porte stagne che abbiamo passato entrando dalla villa? Si chiuderanno fra poco meno di un'ora. Se non siamo fuori di qui entro un'ora, non usciamo più.
    Spence: Che vuol dire? Non posso mica seppellirci vivi qua sotto?
    Rain: Contenere l'incidente è l'unico piano sicuro che hanno trovato contro una possibile contaminazione.
    Spence: E ce lo dite ora, che siamo intrappolati a 600 metri sotto terra?
  • Rain: Quella puttana omicida ha fatto fuori la mia squadra.
    Alice: Quella puttana omicida potrebbe essere l'unica via d'uscita.
Continua a leggere »

Frasi del film Il primo Natale



«Quest'anno aspettatevi un Natale mai visto prima!»
(Tagline del film)

Titolo Originale:
"Il primo Natale" (2019)
Genere: Film commedia, fantastico, avventura, storico, comico
Regia di: Ficarra e Picone
Protagonisti: Salvatore Ficarra, Valentino Picone

Trama breve: 
Un ladro e un prete si ritrovano tutto d'un tratto nella Palestina dell'anno 0, dove dovranno assicurarsi che la nascita di Gesù avvenga nel modo che tutti noi conosciamo.
(Scheda completa)


Frasi celebri

Erode è una personcina deliziosa... (Salvo)

Goditi la vita, ma perché sei nemico della contentezza? (Salvo)

Rassegnati siamo finiti nell'anno zero, ai tempi di Gesù. (Valentino)

Eravamo io, lui, Magellano e Marco Polo... a un certo punto gli ho detto "Marco, il futuro è la Cina!" Non li sottovalutare pure tu, Erode, perché questi si aprono un Regno qui accanto e ti fanno chiudere. (Salvo)

Eravamo io, lui (Valentino), Fidel Castro, Che Guevara e uno sparuto gruppo di combattenti. Siamo arrivati a Cuba e c'erano 500 nemici ad attenderci. Dopo due ore sul campo c'erano 500 cadaveri. (Salvo)

Noi rivoluzionari non lasciamo mai traccia di noi se non nella storia. (Salvo)

Dobbiamo fare qualcosa per salvare Gesù! (Valentino)

I lavori del presepe vivente procedono senza sosta... (Valentino)


Sorridi, altrimenti si vede che è la prima volta che fai una buona azione. (Bambina)

Non lo sa nessuno che siamo qui, non lo sapevo manco io. (Salvo)

Preghiamo, anzi cantiamo, che chi canta prega due volte. (Salvo)

[A Gesù appena nato] E mi raccomando, quando la gente ti chiede le cose rispondi, perché senno gli sembra che non esisti. (Salvo)



Dialoghi

  • Don Valentino: Ma dove siamo?
    Schiavo: In Giudea
    Salvo: In Giudea? Ma quant'è grande sto presepe che hai fatto?
  • Salvo: Quando finiamo? Mai finiamo?
    Schiavo: Finire? Le strade di Roma arrivano in tutto il mondo.
    Schiavo anziano: Io sto qui da dieci anni.
    Salvo: Da dieci anni? Mi... ma che state facendo la Gerusalemme-Reggio Calabria?
  • Don Valentino: Non so più come dirglielo. Dunque, vengono da Nazareth, sono su un asino, lui si chiama Giuseppe, lo riconosce perché c'ha un bastone con la punta tonda, la barba lunga lunga, e la moglie è incinta.
    Salvo: E fra l'altro però il figlio non è di lui...
    Don Valentino: Esatto.
    Ufficiale: In che senso?!
    Don Valentino: Nel senso che il padre vero del bambino è il padre di tutti noi.
    Ufficiale: Ma che state dicendo?
    Salvo: E questo è niente marescià, il padre e il figlio sono la stessa cosa. Tu dici papà e si girano tutti e tre.
    Ufficiale: Tutti e due.
    Don Valentino: E lo Spirito Santo non lo conta?
    Salvo: Tutto inizia quando arriva l'arcangelo Gabriele.
    Ufficiale: [cercando Gabriele negli archivi cartacei] Gabriele... Gabriele...
    Don Valentino: Gabriele non lo può trovare, perché non si può censire Gabriele. Gabriele non lo vede nessuno.
    Salvo: Lo vede solo la Madonna. Lui arriva da Maria e gli fa l'annunciazione.
    Don Valentino: Maria, Maria, tu partorirai il figlio di Dio. Maria, Maria, tu partorirai il figlio di Dio...
    Salvo: Basta! Abbiamo capito. Tutto questo nove mesi fa però.
    Don Valentino: E il figlio di Dio si chiama Gesù.
    Ufficiale: [perplesso]
    Salvo: Ma manco u' catechismo dico io...
  • Giuseppe: Speriamo che almeno sia un bambino tranquillo!
    Salvo: Sì, no come bambino sarà tranquillo, poi le cose si complicano dopo i 30 anni. Fa le cose che fanno tutti: moltiplica i pani, cammina sulle acque, fa resuscitare i morti...
    Giuseppe: I morti?
    Salvo: 4 Vangeli c'hanno fatto e un sacco di film. Io non ci credo però... Te lo posso dire sinceramente? Io ti ammiro, perché tu pur sapendo di non essere il padre...
  • Giuseppe: Come?! Salvo: Sì, ma lo sanno tutti. Io personalmente manco avrei accettato un figlio mio figurati uno che non è mio. [Si sente il piangere del figlio appena nato] Salvo: Buon Natale!
  • Don Valentino: 33! Gli anni di Cristo!
    Tutti: Chi?
  • Don Valentino: Avete visto quanto è bello Calogero? (il neonato)
    Salvo: Calogero? A Betlemme?
    Don Valentino: Gliel'ho messo io. Mio padre si chiamava Calogero. E devi vedere come ride.
    Salvo: Perché ancora non sa come si chiama.
  • Salvo: È un miracolo. Il Signore ci ha fatto il miracolo. Oh Signore per la prima volta ho chiesto il tuo aiuto e tu hai dato ascolto alla mia voce. Sia lode a te o mio Signore che mi hai tratto dalla fossa della morte, e dal fango della palude. La tua luce mi ha salvato.
    Don Valentino: Era la luce del laser.
    Salvo: Ma tu sei diventato miscredente. Ma come è possibile? Io adesso busserò alle porte e annuncerò la voce del Signore.
    Don Valentino: Quelli sono i testimoni di Geova.
  • Don Valentino: Le vorremmo chiedere una cortesia se è possibile. Siccome noi veniamo da lontano, da molto lontano, mi piacerebbe tantissimo ritornare a casa. Ora siccome lui è ancora piccolo e il miracolo non ce l'ho può fare. Ce lo potrebbe fare Lei ?
    Maria: E perché lo chiedete a me? Dovete chiedere a Dio.
    Don Valentino: Ebbé dato che c'è Lei quaggiù, c'è bisogno di arrivare a Lui lassù?
    Salvo: Noi abbiamo pure pregato, solo che Dio non ci ascolta, siamo ancora qua.
    Maria: Forse perché i veri miracoli li fanno gli uomini
Continua a leggere »

Frasi di Joey (Serie TV)



«Stesso ragazzo, nuovi amici.»
(Tagline della serie TV)

Titolo Originale:
"Joey" (2004-2006)
Genere: sitcom
Creata da: Shana Goldberg-Meehan e Scott Silveri
Protagonisti: Matt Le Blanc, Andrea Anders, Drea de Matteo, Paulo Costanzo

Trama breve:
In questo spin-off di Friends (1994), Joey Tribbiani si trasferisce a Los Angeles per proseguire la sua carriera da attore.
(Scheda completa)


Frasi celebri

Sono avvocato aziendale. Io rappresento le aziende avide... rendo il mondo leggermente peggiore. (Alex)

Il mio spettacolo è annullato, non andrà in onda! La gente ha trovato che era disgustoso. È assurdo, ho solo finto di baciare un cadavere. (Joey)

Sembra incredibile. Una settimana fa era la star di un programma e adesso sono quello che ha rifiutato "Infermieri". Il che è strano perché nella vita reale non rifiuterei mai una infermiera. (Joey)

Io sono la migliore e non c'è niente che non farei per te. Indosserei un gonnellino di pelle e... lotterei con un leone. Potrei strapparmi le orecchie e... poi mangiarmele. (Bobbie)

Le donne mi ignorano, tranne le lesbiche quando mi vedono con gli occhiali perché mi scambiano per una di loro. (Michael)

Tutti qui dentro odiano me e le mie maledette lettere... loro mi chiamano "letteraccia". (Alex)

La prima cosa da fare è scegliere delle buone candidate. Devi usare il sistema dei numeri: è importante scegliere una ragazza col tuo stesso livello di carica attrattiva, puoi salire o scendere di due punti, ma non farei molto più di questo. Per esempio io sono un 9, quindi posso provarci con una 7 o con un'ipotetica 11. Un'altra opzione per me è un 4 e una 5 (provarci con due donne sotto la media), tre da tre (provarci con tre donne bruttine) e, ma non lo consiglio, 9 da 1 (provarci con 9 donne brutte). (Joey)

Anche i secchioni litigano? Non venite già insultati a sufficienza? (Joey)

La pizza, l'unica cosa che si può mangiare direttamente senza posate rimanendo sdraiati a letto. (Gleen)

Purtroppo mia moglie non è ancora nata! (Joey)

Matematica pura. Sarebbe impossibile per Babbo Natale visitare tutti i bambini del mondo in una notte, anche ipotizzando un 50% di bambini cattivi. (Michael)

È una cosa naturale che gli esseri umani mangino la carne. Noi mangiamo le mucche. Le mucche mangiano l'erba. Noi falciamo l'erba e ci viene voglia di mangiare altre mucche. È il cerchio della vita! (Joey)



Dialoghi

  • Gina: Ragazzi non lo crederete. Il regista credeva che fossi un attrice.
    Joey: Certo, perché hai delle enormi tette finte e sei pazza.
  • Joey: Tutto è cominciato quando ho assunto una nuova agente. Quella donna è uno squalo. Significa che è una brava agente, non un vero squalo.
    Gina: Questo lo so.
    Joey: Sì. Anch'io.
  • Gina: Tu e Chandler sareste dovuti venire molto tempo fa. C'è una bella comunità gay.
    Joey: Io e Chandler non siamo una coppia gay!
  • Gina: [rispondendo al telefono] Sono Gina, parrucchiera delle stelle.
    Joey: Stelle?
    Gina: Meglio di dire "Parrucchiera delle impiegatuccie".
  • Joey: Ho fatto una soap opera, ma sono qui per migliorare, sono un attore molto serio. Sai? "Romeo, O Romeo, perché sei tu Romeo?" Questo era Romeo.
    Alex: Veramente questa era Giulietta.
    Joey: Che?
    Alex: Sì, Romeo non inizia un discorso dicendo "O Romeo O Romeo..."
    Joey: [sconvolto e arrabbiato] L'avrò recitato in un milione di provini!
  • Gina: Hey, hai dei capelli stupendi.
    Alex: Ah grazie.
    Gina: Semmai volessi venderli, chiamami.
    Joey: Gina, mi piace quella ragazza. Non cercare di comprare i suoi capelli!
  • Joey: So che abbiamo sbagliato a rifiutare Infermieri, ma voglio pensare che ci sia qualcosa di più grosso per me dietro l'angolo.
    Bobbie: Tesoro, tu vivi ancora nel mondo dei sogni. Infermieri ha un enorme successo. Tutti quelli che ci lavorano diventeranno follemente ricchi e questo ti ossessionerà per il resto della tua vita, ma il mio compito è risollevarti il morale.
    Joey: [perplesso] Sì, sto già meglio.
  • [Joey scopre che Alex è l'amministratore]
    Alex: Bene, ora lo sai, la cosa si è scoperta.
    Joey: Anzitutto, perché hai mentito?
    Alex: Non ho mentito, non me lo hai chiesto esplicitamente e non ti ho dato spontaneamente delle informazioni.
    Joey: La logica da avvocato non funziona con me, è chiaro? E nessun altra logica veramente...
  • [Joey e Gina parlano di Michael]
    Joey: Ed è così intelligente, da chi può aver preso?
    Gina: Non lo so, sembra un alieno mandato da un altro pianeta per farmi sentire stupida.
    Joey: Beh, io sono qui ora, chiaro? Quindi gli stupidi sono più numerosi degli alieni.
  • Gina: Io non posso più distrarmi, sono una madre. Ormai non vado più al cinema, non esco la sera, non faccio più niente per me stessa.
    Joey [indicando i suoi seni]: E quelli sono per Michael?
Continua a leggere »

Migliori film con Mara Wilson



Mara Wilson (Burbank, 24 luglio 1987) è un'attrice statunitense. Ha iniziato a recitare all'età di 5 anni ed è nota principalmente per i suoi ruoli da attrice bambina negli anni novanta.


Fra i suoi migliori film vi sono:


Di seguito trovate la lista completa di tutti i film con Mara Wilson, compresi quelli in cui non è la protagonista e i cameo; per ogni film trovate in breve la descrizione del ruolo e del personaggio che ha interpretato.


Filmografia:

Mrs. Doubtfire - Mammo per sempre (1993)

Miracolo nella 34ª strada (1994): qui è una bambina la cui madre le ha imposto di non credere in Babbo Natale in quanto non esiste.

Matilda 6 mitica (1996): qui è una bambina straordinariamente intelligente che vive in una famiglia disonesta e superficiale che non vede in lei delle qualità e che ostacola il suo interesse per la letteratura.

Un semplice desiderio (1997)

Thomas and the Magic Railroad (2000)

Billie Bob Joe (2015)
Continua a leggere »

Frasi di Friends (Serie tv)



«Tutto ciò di cui hai bisogno è Friends!»
(Tagline della serie TV)

Titolo Originale:
"Friend" (1994-2004)
Genere: sitcom
Creata da: David Crane e Marta Kauffman
Protagonisti: Jennifer Aniston, Courteney Cox, Lisa Kudrow, Matt LeBlanc, Matthew Perry, David Schwimmer

Trama breve:
Le avventure e le disavventure di un gruppo di amici trentenni che vivono a New York City: Joey è un'attore in difficoltà, Monica una cuoca, Rachel una cameriera che spera di lavorare nel mondo della moda, Ross un paleontologo, Chandler odia il suo lavoro di elaborazione dei dati e Phoebe è una massaggiatrice /musicista. Una serie durata ben 10 anni che affronta diversi temi della vita: la famiglia, l'amore, gli eventi drammatici e, soprattutto, l'amicizia...
(Scheda completa)


Frasi celebri

Allora, sono sempre al liceo, mi trovo in mezzo alla sala mensa e mi accorgo che sono completamente nudo. Poi guardo in basso e mi rendo conto che c'è un telefono... là. [...] Tutto a un tratto ecco che il telefono inizia a squillare e allora si scopre che è mia madre, il che è davvero molto strano perché lei... lei non mi telefona mai. (Chandler) [raccontando un sogno]

Quando lui dice "Salve" mi viene voglia di uccidermi. (Joey) [parlando di Ross]

A volte vorrei essere anch'io una lesbica. Oddio, l'ho detto ad alta voce? (Chandler)

[Al telefono col padre] Forse non avrò bisogno del tuo denaro! [il padre sta per riattaccare] Ho detto "forse"! Aspetta! (Rachel)

Scusa non ho afferrato il nome. Paul, vero? (Chandler) [dopo che Monica ha presentato Paul ai suoi amici per l'ennesima volta]

Ricordo quando sono arrivata in questa città: avevo 14 anni, mia madre si era appena uccisa e il mio patrigno era tornato in prigione. Sono arrivata qui e non conoscevo nessuno e sono finita a vivere con una ragazzo albino che puliva i finestrini delle auto fuori dalla dogana. Poi lui si è ucciso. E poi ho scoperto l'aromaterapia. Perciò, credimi, so benissimo cosa provi. (Phoebe) [a Rachel]

Benvenuta nel vero mondo! Fa schifo. E te ne innamorerai. (Monica) [a Rachel]

Secondo i miei cari genitori Ross non può mai avere torto. Vedi, lui è il principe. Pare che abbiano fatto la cerimonia d'incoronazione prima che io nascessi. (Monica)

Ehi, ehi, ehi, ehi, ehi! C'è un mostro nudo che sta facendo ginnastica! (Chandler) [guardando fuori dalla finestra]

Vedi, un mese fa volevo solo farti del male, più di quanto ne avessi fatto a chiunque nella mia vita. E io sono un dentista! (Barry)

Ok, ragazzi, non me lo dite. Un cappuccino decaffeinato per Joey... un caffè nero... latte... e un tè freddo! Sto diventando brava!! [I Friends iniziano a scambiarsi le bevande tra di loro...] (Rachel)

[Monica chiede ai suoi amici cosa ne pensano di Alan] Cominciamo col dire che non mi piace il modo con cui... capisci? Scusate non ci riesco, non ce la faccio! Ci piace! (Ross)

Anch'io ho un difetto, ma che ve ne importa! E Joey che si scrocchia continuamento le dita, allora? E Ross che scandisce ogni signola parola, allora? E Monica, allora, che grugnisce quando ride? Questi non sono dei difetti? (Chandler)

Se avessi un calzino in mano per trent'anni, parlerebbe anche lui. (Chandler)

Io faccio in assoluto i migliori biscotti di avena del mondo, ma non li faccio spesso perché non è giusto... verso gli altri biscotti. (Monica)

Sapete, quelli scemi della lattina mi hanno dato settemila dollari per quel pollice. E mentre venivo qui ho pestato un chewingum. Che sta accadendo nell'universo? (Phoebe)

Passa a Lich, Lich vede Nessel sulla linea, eccco il passaggio... interrompiamo la cronaca: Nessel si è fermato a guardare scarpe da donna. (Chandler)

Vedo che ha una donna. Sta attraversando la cucina, cammina... cammina... va verso la cucina... ora sta prendendo la pizza... Non è tua, troietta! (Phoebe)

[All'infermiera] Siamo qui da un'ora, un sacco di gente meno ferita del mio amico è entrata. Quel tipo col pollice rotto con chi va a letto? (Chandler)

Urla più forte! C'è un uomo lassù al ventesimo piano, in coma, che non ha capito bene. (Ross)

Lo sapevo che c'era qualcosa che non andava: le mie unghie non sono cresciute neanche un po' ieri! (Phoebe)

[A Ross, che ha una placca di metallo sul naso rotto] Eri divino ne Il silenzio degli innocenti! (Chandler)

Perché incontrarla per lasciarla? Sii uomo, smetti di telefonarle. (Joey)

[Ross legge l'etichetta del suo ammorbidente] Dice "adatto per la pelle sensibile, vellutata, come il pelo di un... orsetto". D'accordo ne compro un altro. (Ross)

Non arrenderti! Si vedono spesso donne bellissime con accanto uomini insignificanti... Potresti essere uno di loro. (Phoebe)

[Raccontando di sé ad Aurora] Una volta sono andato in metropolitana, giusto? Era quasi notte e sono arrivato fino a Brooklin. Il tutto senza scorta. (Chandler)

Questi sono solo sentimenti. Se ne andranno. (Joey)

Be', come sapete la monogamia è un concetto molto controverso perché antropologicamente si può dire che... [Gli altri fingono di addormentarsi.] E va bene, cullatevi nella vostra ignoranza. (Ross)

Mia moglie è lesbica…e io no! (Ross)

[Nella mente] Avanti, sono passati 14 minuti e 35 secondi e tu non hai ancora detto una sola parola! Fa' qualcosa, stabilisci un contatto, sorridi! Ecco così va meglio. No, così la stai spaventando! (Chandler)

[Parlando della presunta omosessualità di Chandler] Anch'io pensavo che tu fossi uno di quelli, ma poi quando hai passato tutta la sera a parlare con la mia scollatura ho cambiato idea! (Rachel)

Ma non è possibile che non ti abbia ancora baciato. Pablo al sesto appuntamento aveva già dato un nome ai miei seni! (Rachel)

E allora? Chiama da Madrid, potrei farlo anche io... devo solo andare in Spagna! (Ross)

Sapete chi mi fa piangere di più? Bambi. Ho pianto per tre giorni di fila per quel film. No, un attimo: due! Il terzo giorno mia madre si suicidò e... piangevo anche per lei. (Phoebe)

È un fatto: gli agnelli hanno paura. O il titolo del film sarebbe Il silenzio delle anatre. (Chandler)

Paperino non usava mai i pantaloni, ma una volta che usciva dalla doccia metteva un asciugamano intorno alla vita. Ma tanto girava sempre nudo! (Chandler)

Ah! Allora questo spiega tutto. Ho ricevuto una telefonata alle due del mattino. Sentivo solo una voce stridula che squittiva, e così ho pensato okay, sarà un topo o un opossum. Poi ho realizzato, d'accordo, ma un topo o un opossum dove li prendono i soldi per fare una telefonata? (Joey)

La vita fa schifo e quando pensi non possa peggiorare fa ancora più schifo. (Phoebe)

Ho adottato una nuova tecnica: non rispondendo al telefono, chi chiama penserà che ho una vita sociale. (Chandler)

Il segreto di una persona è tutto nel primo bacio. (Rachel)

Avevo un amico immaginario che... i miei genitori preferivano a me. (Chandler)

Sono più le cose stupide che dico prima delle 9 del mattino di quelle che la maggior parte della gente dice in un giorno intero. (Chandler)

Non so neanche da che parte cominciare a spiegarti quanto mi mancherai. Sappi che sei l’unica ragione al mondo per cui vorrei non andare in Francia. Ok? Quindi se pensi veramente che io non ti abbia salutato perché per me non conti quanto tutti gli altri, ti sbagli di grosso. Tu conti più di tutti gli altri. (Rachel)

Lei è la tua aragosta! (Phoebe)

Una promessa tra amici del cuore significa non dover mai dare una spiegazione. (Phoebe)



Dialoghi

  • [Al café Central Perk, parlando di una nuova "fiamma" di Monica]
    Monica: Non c'è niente da dire, è solo un tizio con cui lavoro!
    Joey: Ma andiamo, se esci con questo tizio deve sicuramente avere qualcosa che non va.
    Chandler: Allora, cos'è, ha la gobba e il parrucchino?
    Phoebe: Aspetta, mangia il gesso? Non voglio che passi quello che ho passato io con Carl... Bleah...
    Monica: Calmatevi ragazzi, non si tratta di una cosa seria: siamo solo due persone che vanno a cena e non fanno l'amore.
    Chandler [perplesso]: Mi sembra una cosa normale.
  • Ross: Sto come se m'avessero messo una mano in gola, preso l'intestino, l'avessero strappato dalla bocca e me l'avessero stretto intorno al collo.
    Chandler [offrendo un biscotto]: Dolcetto?
  • Ross: Non voglio essere un single! Io... io voglio solo sposarmi di nuovo. [in quel momento Rachel entra nel bar in abito da sposa]
    Chandler: E io voglio solo un milione di dollari.
  • Rachel: So che io e te ultimamente ci siamo perse di vista, ma sei l'unica persona che conosco che vive in questa città.
    Monica: Che non è stata invitata al matrimonio...
  • [Chandler e Joey stanno montando la libreria]
    Joey [guardando un pezzo avanzato]: Che è questo?
    Chandler: Non ne ho nessuna idea.
    Joey: Libreria a posto!
    Chandler: A posto!
  • Monica: Quello che voi ragazzi non capite è che per noi il bacio è importante quanto tutto il resto.
    Joey: Seee, certo. [Perplesso] Veramente?
    Rachel: Il segreto di una persona è tutto nel primo bacio.
    Chandler: Sì, penso che per noi il bacio sia come il primo atto di una commedia, capito? Cioè come il comico che ti devi sorbire prima che escano fuori i Pink Floyd.
    Ross: Sì.. non è che a noi piaccia l'attore comico. È solo che... non è per lui che avevamo comprato il biglietto.
    Chandler: Vedi il problema è che dopo che è finito il concerto, comunque sia andato lo show, le ragazze continuano a cercare sempre quei preliminari e sai... quando si è in macchina, in mezzo al traffico si cerca solo di restare svegli.
    Ross: È vero!
    Rachel: Sì, be', allora vi do un consiglio, teneteci a quei preliminari. Altrimenti un'altra volta ve ne starete a casa ad ascoltare un bell'album da soli.
    Joey [a Ross]: Stiamo ancora parlando di sesso?
  • [Al museo della preistoria, allestendo un diorama con due uomini delle caverne]
    Ross: No, va bene, va benissimo... È solo che... Non ti sembra un pochino... arrabbiata?
    Marsha: Be', ha le sue ragioni.
    Ross: Davvero? E quali?
    Marsha: Lui va in giro a colpire a mazzate le altre donne, mentre lei sta a casa cercando di levare dal tappeto l'odore di mammut.
  • Ross: Be', che c'è di nuovo? Sei ancora...
    Carol: ...una lesbica?
    Ross: Be'... [Carol annuisce] Non si sa mai...
  • [Monica trova un pezzo di carta appallottolata sul tavolino del soggiorno]
    Monica: Di chi è quella palla di carta arrotolata!?
    Chandler: Ah, quella è mia. Vedi avevo scritto un appunto. Poi ho capito che non mi serviva, così ho arrotolato il foglio... e ora vorrei essere morto.
  • [Rachel non trova il suo anello di fidanzamento]
    Rachel: Avete visto il mio anello di fidanzamento?
    Phoebe: Sì, è bellissimo!
  • [Rachel non trova il suo anello di fidanzamento]
    Joey: Quand'è stata l'ultima volta che l'avevi?
    Phoebe: Be', probabilmente prima che lo perdesse.
  • Ross: Hellen Geller? Non direi proprio.
    Carol: Ross, non sarebbe mai Hellen Geller.
    Ross: Ah, grazie.
    Carol: Cioè, il cognome non sarà Geller.
    Ross: Quale sarà? Hellen Willick?
    Carol: No, veramente... Avevamo pensato a Hellen Willick-Bunch.
    Ross: Ma... Aspetta un po'... Che-che centra lei col cognome?
    Susan: Perché questo bambino è anche mio.
    Ross: Oh sì? Davvero? Non mi ricordavo che tu avessi anche dello sperma.
    Susan: Sappiamo tutti quanto è difficile essere maschi...
    Ross: Sì, certo...
    Carol: D'accordo, ora smettetela.
    Ross: No, il nome spetta a lei, ma centro anch'io in questa storia.
    Carol: Ross, non vorrai suggerire di chiamarla Hellen-Willick-Bunch-Geller? Credo che questo sarebbe abuso di minore!
    Ross: Ma no, volevo solo suggerire Geller-Willick-Bunch.
  • Ginecologo [alla futura madre]: Allora? Come va oggi, un po' di nausea?
    Ross: Sì, in effetti un po'...
  • [Ross sta facendo vedere ai suoi amici il video dell'ecografia del suo futuro bambino]
    Joey: Si può sapere che stiamo vedendo?
    Chandler: Non lo so... ma credo che stia per attaccare l'Enterprise.
  • Chandler: Come quando sei piccolo e i genitori fanno uccidere il tuo cane e ti dicono che è andato a vivere in campagna.
    Ross: È curioso! Ma sai, i nostri genitori invece lo hanno fatto veramente. Hanno mandato veramente il nostro cane a vivere in campagna!
    Monica: Ehm... Ross...
    Ross: Sì... sul serio! La fattoria del Minners, nel Cunnecticut. Avevano una fattoria meravigliosa, avevano i cavalli e i conigli e anche... Oh mio Dio! Ciccio!
  • [Monica sta per andare ad un appuntamento con Alan]
    Joey: Allora quando ce lo fai conoscere?
    Monica: Vediamo... oggi è lunedì... MAI!
  • Monica: Dov'è Joey?
    Chandler: Joey si è mangiato l'ultima gomma [alla nicotina] che avevo, quindi l'ho ucciso. Credi che abbia fatto male?
  • [Monica annuncia di voler rompere con Alan e c'è lo sconcerto generale]
    Monica: Ho deciso di rompere con Alan.
    Ross: Hai un altro?
    Joey: Allora è così! È finita! Senza preavviso!
    Phoebe: Ecco... abbasso la guardia... inizio ad affezionarmi ad una persona e subito io... Ah!
    Rachel: Io non ci posso credere! Proprio adesso che si avvicinavano le feste. Io volevo che i miei genitori lo conoscessero!
  • Chandler: Basta! Vado a prendere le sigarette! Non m'importa, non m'importa! Sono debole! Devo fumare! Devo assolutamente fumare.
    Phoebe: Se non fumi più ti darò settemila dollari!
    Chandler: Sì.. d'accordo.
  • [Se fossi onnipotente vorrei...]
    Phoebe: La pace nel mondo, niente più fame, salvezza per la foresta amazzonica... e tette da urlo!
    Chandler: Io mi farei onnipotente per sempre!
    Joey: [Scambiando l'aggettivo onnipotente per impotente] Mi ucciderei, io credo. Senza il "piccolo Joey" non potrei vivere.
    Ross: Joey, "onnipotente"...
    Joey: Oh, scusa! Tu lo sei?
  • [Le donne credono che essere maschi sia meglio e viceversa... Sfida a chi trova più qualità.]
    Monica: Ma non è poi così importante! La vuoi smettere?
    Ross: Non è importante? È una cosa incredibile! Mettete una mano lì, una piccola mossa e oplà! Via il reggipetto! L'asso nella manica. Per quanto ne so, un uomo non può fare niente di simile, siete d'accordo, no?
    Rachel: Via, voi maschi potete fare la pipì in piedi.
    Chandler: Davvero? Bene ora ci provo.
    Rachel, Monica e Phoebe: Oh no! Fermo!
    Joey: Sapete cosa mi manda in tilt in cervello? Le donne possono vedere le tette ogni volta che vogliono.
    Rachel: È proprio scemo!
    Joey: Guardano in basso ed è fatta! Io per vederle devo sudare sette camicie.
    Phoebe: Poverino... Io invece non capisco questo: voi maschietti fate le cose più volgari e poi ve ne infischiate. Vergogna! Mascalzoni!
    [I tre uomini si guardano in giro, cercando di trovare un'altra qualità femminile...]
    Ross: Orgasmi multipli! Non ho ragione?
  • Chandler: Ci siamo! Sabato notte, la grande notte! Notte di sesso, sabato notte! Sabato notte di fuoco!
    Joey: Non hai programmi, eh?
    Chandler: Neanche uno.
    Ross: Neanche piantare in asso Jeniss?
    Chandler: Ah, giusto, è vero. Lo farò.
  • Rachel: [Parlando del padre] È terribile, mi chiama "femminuccia".
    Chandler: Oh, detesto mio padre quando lo dice a me!
  • [Ross cerca una scusa per andare con Rachel in lavanderia]
    Ross: Potrei venire con voi...
    Rachel: Non c'è la lavanderia nel tuo palazzo?
    Ross: Sì, abbiamo una grande lavanderia nel mio palazzo. Però c'è un problema di topi, sembra che... sembra che siano attratti dall'asciugatrice. Così la biancheria entra a posto ma esce tutta... pelosa.
  • [I Friends sono andati a vedere una nuova interpretazione di Joey a teatro]
    Rachel: Ehi, ragazzi, guardate qua! C'è anche la foto di Joey! Non posso crederci!
    Chandler: Eccone un'altra che non ha mai vista una sua commedia, poverina... La ragazza non ha assolutamente idea di cosa l'aspetta.
    Phoebe: È il punto esclamativo nel titolo che mi terrorizza: non è solo "Freud", ma "Freud!".
  • [Joey esce dalle quinte e va a salutare i suoi amici dopo lo spettacolo]
    Tutti: Ehi... eccolo qua... non sapevo sapessi cantare!
    Joey: Che ne dite?
    Tutti: Ehi... eccolo qua... non sapevo sapessi cantare!
    Joey: Avanti non fate così... è stato sicuramente meglio di quando ho fatto il folletto... almeno stavolta avete visto la testa.
  • [Joey riceve il biglietto da visita di un'agenzia di attori]
    Joey: Wow, ragazzi! Forse vogliono prendermi nella loro squadra...
    Phoebe: Dopo averti visto? [La fissano] Dopo averti visto!
  • Phoebe: Una mia cliente è morta mentre le facevo un massaggio...
    Ross: Oh, santo cielo!
    Chandler: Certo, non ti aspettavi che si rilassasse tanto.
  • [Parlando dell'imminente divorzio dei genitori di Rachel]
    Ross: E tu non ti eri accorta che non andavano d'accordo?
    Rachel: No!
    Joey: Ma non litigavano?
    Rachel: No! Non si scambiavano mai una sola parola! Come potevo immaginare che avessero dei problemi seri?
  • [Al matrimonio lesbico, guardando le invitate]
    Joey: Sembra così futile. Sai, tutte queste donne e... niente! Mi sento come Superman, capisci? Ho la mantellina eppure non riesco a volare!
    Chandler: Adesso puoi capire cosa provo ogni singolo giorno. Chiaro? Il mondo è il mio matrimonio lesbico!
  • Rachel [scegliendo i vestiti da indossare]: Ragazzi, secondo voi è il vestito che può indossare la ragazza di un paleontologo?
    Phoebe: Non lo so. Potresti essere la prima.
  • [Rachel porta a casa Mrs. Whiskerson, un gatto di razza Sphynx]
    Ross: Mio Dio, ma che cos'è?!
    Joey: Che razza di animale è quello?!
    Ross: A vederlo mette paura!
    Rachel: Be', questo è un gatto.
    Joey: Quello non è un gatto!
    Rachel: Io ti dico di sì.
    Ross: E allora perché sta a rovescio?!
  • Ross: Non mi va che sulla mia lapide si legga: "Ross Geller: tre divorzi."
    Phoebe: Ah, di questo non devi preoccuparti. Sulla lapide puoi far scrivere qualunque cosa. Anche "Ross Geller: ottimo partito". A proposito, sulla mia si leggerà "Phoebe Buffay: sepolta viva."
  • Phoebe: Tu a cosa rinunceresti Ross, cibo o sesso?
    Ross: Cibo!
    Phoebe: E allora tra sesso e dinosauri?
    Ross: Oh mio Dio! Non chiedetemi queste cose...
  • Phoebe: Perché mia madre mi avrà mandato una pelliccia? Ma allora non mi conosce affatto! E inoltre, ho già uno splendido giaccone, e per farlo nessun animale ha dato la pelle.
    Chandler: Già, hanno solo sanguinato le dita di un ragazzino filippino per dodici cents all’ora.
  • Phoebe: Una spogliarellista ad un addio al celibato? Che scontato... Perché non chiamate un mago?
    Chandler: Beh, se riesce a stappare una bottiglia di birra con le tette, perché no?
  • Phoebe: Ma come hai potuto farlo salire? Potrebbe anche essere... un rapinatore, un assassino o qualcosa del genere.
    Joey: Non credi che glielo abbia chiesto prima di farlo salire?
  • Monica: Abbiamo capito come si gioca, facciamo sul serio ora!
    Ross: Sei sicura? Phoebe ha appena scartato due Jack perché le sembravano tristi!
  • Joey: Allora mi spieghi perché possiamo usare lo stesso sapone?
    Chandler: Perché quello è sapone! È autopulente!
    Joey: Allora la prossima volta che fai la doccia pensa a qual è l'ultima parte che m'insapono io e la prima che t'insaponi tu!
  • Ross: Io non sarei bravo a rimorchiare? Con te ha funzionato, mi pare?
    Rachel: Oh, certo! Incontrata, corteggiata e bam! dopo nove anni sono stata tua!
  • Monica: "In tutta la mia vita non ho mai pensato di poter essere così fortunata da innamorarmi del mio miglior amico".
    Chandler: "Va bene, non importa tesoro, continuo io. Credevo che importasse cosa dire, o dove l'avrei detto, ma poi ho capito che l'unica cosa che conta è che tu mi rendi più felice di quanto avessi mai potuto immaginare. E se tu vorrai io passerò il resto della mia vita a renderti altrettanto felice
  • Monica: La telecamera aggiunge almeno 5 chili!
    Chandler: E quante telecamere avevi puntate addosso?
  • Ross: Oggi tornando a casa comprerò una buona bottiglia di vino buono francese, farò un salto da lei e cercherò...di scaldarla.
    ChandlerLo sai quello che dovresti fare? Dovresti riportarla negli anni '70, quando si usava ancora quel termine
  • Chandler: Che ne dici di “Joey Pepponi”?
    Joey: No, è ancora troppo etnico. Il mio agente vuole che scelga un nome più neutrale.
    Chandler: “Joey Svizzera”?
  • Joey: A me piaceva il liceo. Sono stati quattro anni di feste, ragazze e ovviamente sesso.
    Chandler: Io l'ho fatto in un collegio con 400 ragazzi. Se avessi voluto fare sesso avrei dovuto fare una scelta di fondo.
  • Phoebe: Oh, questa settimana ho avuto un karma eccezionale: prima ho trovato i miei genitori e poi il mio cliente con la schiena pelosa mi ha prestato la sua casa al mare.
    Ross: Sì? E come ti spieghi quel ciclista che hai investito ieri?
    Phoebe: Oh, non stavo mica parlando del suo karma!
Continua a leggere »

Migliori film con Kirk Douglas



Kirk Douglas, nato Issur Danielovitch e noto anche come Isadore Demsky (Amsterdam, 9 dicembre 1916 – Beverly Hills, 5 febbraio 2020), è stato un attore e produttore cinematografico statunitense. È il padre di Michael Douglas, che ha seguito le sue orme cinematografiche e di Joel Douglas (produttore).

Nel 1999 l'American Film Institute lo ha inserito al 17º posto tra le più grandi star della storia del cinema statunitense.

Nel 1996 ha vinto un Oscar onorario alla carriera, ha anche vinto un Golden Globe alla carriera e un altro come miglior attore in un film drammatico.

Fra i suoi migliori film vi sono:
Spartacus,
Orizzonti di gloria,
I Vichinghi,
L'asso nella manica,
Brama di vivere,
Il grande campione,
Prima vittoria,
Sfida all’O.K. Corral.


Di seguito trovate la lista completa di tutti i film con Kirk Douglas, compresi quelli in cui non è il protagonista e i cameo; per ogni film trovate in breve la descrizione del ruolo e del personaggio che ha interpretato.


Filmografia

Lo strano amore di Marta Ivers (1946)

Il lutto si addice ad Elettra (1947)

Le catene della colpa (1947)

Le vie della città (1947)

Le mura di Gerico (1948)

La cara segretaria (1948)

Lettera a tre mogli (1949)

Il grande campione (1949)

Chimere (1950)

Lo zoo di vetro (1950)

Sabbie rosse (1951)

L'asso nella manica (1951)

Pietà per i giusti (1951)

Il tesoro dei Sequoia (1952)

Il grande cielo (1952)

Il bruto e la bella (1952)

Storia di tre amori (1953)

I perseguitati (1953)

Atto d'amore (1953)

Ulisse (1954)

20.000 leghe sotto i mari (1954)

Destino sull'asfalto (1955)

L'uomo senza paura (1955)

Il cacciatore di indiani (1955)

Brama di vivere (1956)

Sì, signor generale (1957)

Sfida all'O.K. Corral (1957)

Orizzonti di gloria (1957)

I vichinghi (1958)

Il giorno della vendetta (1959)

Il discepolo del diavolo (1959)

Noi due sconosciuti (1960)

Spartacus (1960)

La città spietata (1961)

L'occhio caldo del cielo (1961)

Solo sotto le stelle (1962)

Due settimane in un'altra città (1962)

L'uncino (1963)

I cinque volti dell'assassino (1963)

Per soldi o per amore (1963)

Sette giorni a maggio (1964)

Prima vittoria (In Harm's Way) (1965)

Gli eroi di Telemark (1965)

Combattenti della notte (1966)

Parigi brucia? (1966)

La via del West (1967)

Carovana di fuoco (1967)

Jim l'irresistibile detective (1968)

La fratellanza (1968)

The Legend of Silent Night (1968)

Il compromesso (1969)

Uomini e cobra (1970)

Il faro in capo al mondo (1971)

Quattro tocchi di campana (1971)

Per amore ho catturato una spia russa (1971)

Un uomo da rispettare (1972)

The Special London Bridge Special (1972)

Il dottor Jekyll e Mister Hyde (1973)

Un magnifico ceffo da galera (1973)

Il gatto e il topo (1974)

I giustizieri del West (1975)

Una volta non basta (1975)

La lunga notte di Entebbe (1976)

Holocaust 2000 (1977)

Fury (1978)

Jack del Cactus (1979)

Home Movies - Vizietti familiari (1979)

Saturno 3 (1980)

Countdown dimensione zero (1980)

L'uomo del fiume nevoso (1982)

Senza nessuna pietà (1982)

La fuga di Eddie Macon (1983)

Coppia di Jack (1984)

Amos (1985)

Due tipi incorreggibili (1986)

1925: processo alla scimmia (1988)

Oscar - Un fidanzato per due figlie (1991): appare nella scena iniziale dove, morente, cede il suo ruolo di boss mafioso al figlio (Sylvester Stallone) dandogli precise raccomandazioni.

Benvenuto a Veraz (1991)

The Secret (1992)

Take Me Home Again (1994)

Caro zio Joe (1994)

Diamonds (1999)

Vizio di famiglia (2003)

Illusion (2004)

Meurtres à l'Empire State Building (2008)
Continua a leggere »