Frasi del film Die Hard 2 - 58 minuti per morire

«Si dice che un fulmine non colpisce mai due volte nello stesso punto... Si sbagliavano.»
(Tagline del film)

Titolo Originale:
"Die Hard 2" (1990)
Genere: Film d'azione, poliziesco
Regia di: Renny Harlin
Protagonisti: Bruce Willis

Trama breve: 
Ancora una volta John McClane dovrà dare il meglio di sé per contrastare un gruppo di terroristi, guidati dal colonnello Stuart, che sta tenendo in ostaggio l'intero aeroporto. Il loro piano è quello di salvare un signore della droga dalla giustizia. Per riuscirci, hanno preso il controllo di tutte le apparecchiature elettriche che interessano tutti i piani. Senza luci sulla pista a disposizione, tutti i velivoli sono costretti a rimanere in aria e, con il carburante in esaurimento, McClane dovrà essere molto veloce perché il tempo non è dalla sua parte...
(Scheda completa)


Frasi celebri

Buon decollo figlio di puttana. (John McClane) [Dopo che ha fatto partire la scia di fuoco che incendia l'aereo con i cattivi]

Ehi, hai dimenticato lo scontrino! (John McClane) [Rivolto ad un terrorista che sta inseguendo]

Ma non l'hai capito stronzo? Io sono un poliziotto, è lui il cattivo! (John McClane) [Ad un altro poliziotto, indicando un terrorista ormai dileguatosi]

Capitano, mi tolga una curiosità: cosa fa scattare prima il metal detector? Il piombo che ha nel culo, o la merda che ha nel cervello? (John McClane)

Nei film sembra tutto così facile. Sono passato dalle stelle alle stalle; l'unico sollievo è che non posso scendere più in basso. (John McClane)

Mi fa rabbia avere sempre ragione. (John McClane)



Dialoghi

  • John McClane: Ehi, guarda, che il parafango è di plastica, vacci piano!
    Manovratore carrattrezzi: Vaffanculo!
    John McClane: Appunto. [Mentre gli porta via la macchina]
  • John McClane: Ti mando delle impronte di un cadavere.
    Serg. Al Powell: OK....
    Serg. Al Powell: Eccoti i risultati: il tuo amico è morto.
    John McClane: Oh, cazzo, se n’è accorto anche il computer.
  • Giornalista: Colonnello Stuart, mi concede una parola?
    Col Stuart: Gliene concedo due: si fotta!
  • John McClane: Capitano Lorenzo? John McClane polizia di..
    Capitano Lorenzo: Sì, si lo so chi è lei, è lo stronzo che ha violato 7 volte il regolamento interno e 5 volte quello comunale, scorrazzando per il mio aeroporto armato di pistola e sparando alla gente, come la chiama questa stronzata?
    John McClane: Legittima difesa.
    Capitano Lorenzo: Allora quel distintivo secondo lei le dà diritto ad un pasto gratis o qualcosa del genere?
    John McClane: No, magari ad un po' di cortesia professionale.
    Capitano Lorenzo: In questo aeroporto la settimana di Natale, ha voglia di scherzare?!
    John McClane: A farsi fottere la cortesia, ma la professionalità?! I suoi uomini si sono allontanati dal posto della sparatoria, una cosa così non si sbriga in dieci minuti. Deve isolare la zona, fare fotografie, rilevare impronte...
    Capitano Lorenzo: Ehi, ehi, niente prediche, sapientone! So io quello che devo fare. Rileveremo, impronte, faremo le fotografie necessario, cercheremo indizi...
    John McClane: Quando?! Dopo che altro 400 persone avranno bazzicato quel posto?! Non ci troverà neanche più l'impronta di un elefante! Isoli quella zona e ci mandi...
    Capitano Lorenzo: Ooh, certo! Devo isolare quella zona! Le pare semplice, eh? Tanti io qui non ho altro da fare, merda! Devo solo badare a quelli del convegno del tempio mistico, a quei fottuti boy scout che non finiscono mai, devo ritrovare bambini smarriti, cani smarriti... [Entra la segretaria] - Non Adesso! Dopo!-... ai diplomatici internazionali, a una fottuta renna in transito destinata ad un fottuto zoo di animali domestici, ma... John McClane, lui ha un piccolo problema! E allora chiudiamo tutto questo aeroporto! Cosa crede che diranno quelli di sopra quando glielo racconterò?!
    John McClane: Perché non prende il telefono e lo scopre?
    Capitano Lorenzo: Perché non occorre che dei fottuti legali mi dicano che si è trattato semplicemente di un barbone che stava rubando qualche valigia!
    John McClane: Valigia? Quel barbone aveva una Glock 7, lo sa cos'è? E' una pistola di porcellana fatta in Germania, non viene rilevata dal Metal detector e costa più di quanto guadagna lei in un mese!
    Capitano Lorenzo: Sarebbe sorpreso di quanto guadagno in un mese.
    John McClane: Lo sarei se guadagnasse più di un dollaro.
    Capitano Lorenzo: Ehi, ehi, McClane, non cominci a credere a quello che dicono i giornali, eh! Sì, so tutto di lei, di quella faccenda della Nakatomi a Los Angeles, anche se hanno detto che è uno con i coglioni con me non attacca! Senta, lei adesso sta nuotando nel mio piccolo stagno, e io sono il pesce grosso che lo governa. D'accordo, lei ha fatto fuori un malvivente, bene; manderò al suo fottuto capitano di Los Angeles una fottuta nota di merito, ma nel frattempo sparisca da questo ufficio, prima che la faccia cacciare via dal mio fottuto aeroporto!!!
    John McClane: Capitano, mi tolga una curiosità: cosa fa scattare prima il metal detector? Il piombo che ha nel culo, o la merda che ha nel cervello?
  • Al Powell: Aeroporto? Non è che stai pisciando nella piscina di qualcun'altro?
    John McClane: Sì, nella mia non c'era più cloro.
  • Informatore: E se mi desse 20 dollari per averlo ?
    McLane: E se ti lasciassi vivere
  • Magg. Grant: Tu sei l'uomo sbagliato, nel posto sbagliato, nel momento sbagliato!
    John McClane: La storia della mia vita!
  • Soldato della sicurezza dell'aeroporto: Con chi credi di avere a che fare?
    Terrorista travestito da imbianchino: Con un bersaglio!


Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".