Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV




È quasi magia Johnny - Kimagure Orange Road (Anime 1987-1988)


Trama dell'anime giapponese "È quasi magia Johnny - Kimagure Orange Road" (1987-1988) con Kyōsuke Kasuga, Madoka e Hikaru: frasi celebri, spiegazione, curiosità, colonna sonora e attori del cast.

È quasi magia Johnny (Kimagure Orange Road - Capricciosa Orange Road - KOR) è un anime giapponese di genere commedia romantica creato da Izumi Matsumoto. Ha come protagonisti Kyōsuke Kasuga, Madoka Ayukawa e Hikaru Hiyama. La serie animata è costituita da una serie di 48 episodi andata in onda dal 1987 al 1988.






Trama

Una scalinata di 99 gradini (e mezzo), una bella ragazza dal cappello rosso… iniziava così, semplicemente, la storia di Kyosuke, ragazzo che vorrebbe essere qualunque, maledetto da ereditari poteri ESP e benedetto (forse) dall’amore di due fanciulle diversissime. Una storia già raccontata? Sì ma non del tutto. Altre avventure dello sfortunatissimo giovanotto si inanellano in sei episodi autoconclusivi. E poi, mentre gli anni passano e i cuori cambiano, all’inizio di quell’estate, accade qualcosa… gran finale per Kimagure Orange Road.

Paese: Giappone
Durata: 24 min (episodio)
Voto: 7,8
Guarda il 🎬 TRAILER ►



Commento

Da bambino mi piaceva, ma poi non riuscivo più a capire la trama e così non lo guardai più (infatti non era stato pensato per un pubblico di bambini, ma per un pubblico di adolescenti). Poi l'ho rivisto dopo tantissimi anni, finalmente tutti gli episodi. La versione della Dynit è spettacolare, di gran lunga superiore e senza censure.

Avvertenza [T]: Alcune scene di violenza fra giovani, alcune scene di nudo, i due migliori amici del protagonista si comportano da pervertiti in ogni episodio in cui appaiono.



Spiegazione




Doppiatori italiani e personaggi

Qui trovate per primo i doppiatori dell'anime andato in onda sulle reti Mediaset, e per secondo il doppiatore scelto dalla Dynamic Italia (Dynit).

Davide Garbolino / Massimiliano Alto (Kyōsuke Kasuga), Marcella Silvestri / Stella Musy (Madoka Ayukawa), Marina Massironi / Laura Lenghi (Hikaru Hiyama), Emanuela Pacotto / Ilaria Latini (Manami Kasuga), Roberta Gallina Laurenti / Federica De Bortoli (Kurumi Kasuga), Gianfranco Gamba / Angelo Maggi (Takashi Kasuga), Stefano Dondi / Fabrizio Mazzotta (Jingoro), Cesare Rasini / Roberto Del Giudice (Master), Felice Invernici / Stefano Crescentini (Seiji Komatsu), Aldo Stella / Fabrizio Mazzotta (Kazuya Hatta), Paola Tovaglia / Stefano De Filippis (Kazuya)



Curiosità

- La serie anime è composta di un episodio pilota, una serie televisiva di 48 episodi, tre film cinematografici e 8 OAV.

- Qui di seguito trovate i nomi originali dei personaggi e tra parentesi quelli usati dalla Mediaset: Kyōsuke Kasuga (Johnny), Madoka Ayukawa (Sabrina), Hikaru Hiyama (Tinetta), Manami Kasuga (Manuela), Kurumi Kasuga (Simona), Takashi Kasuga (Sergei), Jingoro (Ercole), Master (Luigi), Seiji Komatsu (Michael), Kazuya Hatta (Carlo), Kazuya (Paolo).

- Nell’anime Orange Road, nell’edizione italiana della Dynit del 1996 (allora Dynamic Italia), appaiono alcuni riferimenti riguardanti Ranma ½ che nell’edizione Fininvest del 1989 (oggi Mediaset) non comparivano. Questi riferimenti fanno parte solo dell’adattamento italiano, in quanto la prima trasmissione giapponese di Orange Road precede di almeno un anno quella di Ranma ½. Nell'episodio 30 (una ragazza chiede se Ranma riuscirà a sposare Akane), nell'episodio 36 un ragazzo è arrabbiato perché si è perso l'episodio serale di Ranma.

- La serie di Orange Road è arrivata in Italia nel 1989 e come consuetudine di quegli anni ha subito notevoli censure e adattamenti, in modo che potesse essere destinata a un pubblico di giovanissimi (odiosa pratica che resterà in voga per tutti gli anni ’90). Come se non bastasse gli episodi 35 e 37 non sono mai stati trasmessi su Italia 1.
Fortunatamente nel 1996 la Dynamic Italia ha poi pubblicato 16 VHS della serie con un doppiaggio più fedele e senza censure, edizione poi riproposta in 10 DVD da Yamato Video.

- Il primo intitolato "È quasi magia Johnny: Una difficile scelta" è il proseguimento della serie tv. Questo film rappresenta in qualche modo il finale della serie poiché Kyōsuke fa finalmente la sua scelta. Il secondo film dal titolo "Orange Road The Movie: ...e poi, l'inizio di quella estate..." si basa sul primo dei tre romanzi ispirati dal fumetto.

- Kyōsuke è in grado di fare sogni premonitore, ma se forme a testa in giù vedrà le cose al contrario di come accadranno veramente.

- Johnny non è capace di volare, non è timido e sincero (solo a volte), ma soprattutto non legge nel pensiero altrimenti non ci sarebbero volute così tante puntate per arrivare a conoscere i sentimenti di Madoka.

- Nell’episodio 5 sulla panchina della fermata dell’autobus, Sabrina, esausta dopo la giornata di lavoro, appoggia teneramente la testa sul petto di Johnny. Questa scena è stata tagliata e censurata in Italia, ma questa stessa scena è presente invece nelle sigle d’apertura e chiusura! La scena si rivedrà poi nei ricordi di Johnny in alcune puntate successive e quindi ne verrà dato un senso diverso (infatti, così tutto si trasforma in un sogno mai realizzato più che un ricordo).

- L’aggettivo “Kimagure” (Capriccioso/ imprevedibile / bizzarro) del titolo originale fa riferimento al carattere indeciso di Kyosuke, per colpa del quale il ragazzo si trova sempre in situazioni tragicomiche, ma il vocabolo è perfetto anche per descrivere l’umore altamente variabile di Madoka.

- All’inizio degli anni ’90, la Fininvest vendette la serie censurata in Francia e in Spagna… ma la cosa incredibile è che anche la sigla rimase la stessa (naturalmente con un testo in lingua francese e spagnola).

- Ricordate i piccioncini che ripetono sempre la medesima frase: "Umao-san, perché sei tu, Umao-san?" e "Ushiko-san, perché sei tu, Ushiko-san?" ? La traduzione giapponese di “Umao” e “Ushiko” equivalgono a “cavallo” e “mucca”!

- Il colore del cappello di paglia che fa incontrare Madoka e Kyosuke non è stato scelto a caso, infatti, una vecchia tradizione orientale dice che “due persone legate da un nastro rosso sono destinate a diventare innamorati”.

- Secondo il creatore di "Kimagure Orange Road" Izumi Matsumoto, l'aspetto fisico di Madoka Ayukawa (Sabrina) è stato ispirato all'attrice americani Phoebe Cates.

- L'ambientazione della serie è stata ispirata dai quartieri Umegaoka, Gotokuji e Shimokitazawa nel Setagaya Ward di Tokyo.

- Nel 1988 è uscito perfino un videogioco a tema intitolato "Kimagure Orange Road ~Natsu no mirage~". Era disponibile per le seguenti piattaforme: PC-9801, PC-8801, MSX2.



Colonna sonora

  1. Sigla italiana (Cristina d'Avena)
  2. Choose Me (Tsubokura Yuiko)
  3. Tokidoki Blue (Sometimes Blue) ()
  4. Dance in the Memories (Nakahara Meiko)
  5. Kagami no Naka no Actress (Actress in the Mirror) (Nakahara Meiko)
  6. Natsu no Mirage (Wada Kanako)
  7. Mou Hitotsu no Yesterday (One More Yesterday) (Wada Kanako)
  8. Aoi Boyfriend (Tachibana Yuka)
  9. Kaze no Manazashi (Tsubokura Yuiko)
  10. GiriGiri Love (Tsuchida Kazunori)
  11. Ano Sora o Dakishimete (Shirai Hiroaki)
  12. Tori no yoo ni (Wada Kanako)
  13. Futashikana I Love You (Wada Kanako)



Frasi celebri

Continua a leggere su Le più belle frasi del film È quasi magia Johnny - Kimagure Orange Road



Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".