Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV




Il corvo - The Crow (1994)


Il corvo - The Crow è un film horror del 1994 diretto da Alex Proyas ed interpretato da Brandon Lee.






Trama

Il 30 ottobre è la terribile "Notte del Diavolo", così chiamata a causa della puntuale esplosione di violenze in città in concomitanza con Halloween. Una banda di teppisti incendiari, dopo aver fatto un po' di danni nel quartiere, penetra nell'appartamento di Eric Draven e Shelly Webster. I due si sarebbero dovuti sposare l'indomani, ma invece faranno una brutta fine: il ragazzo viene gettato dalla finestra mentre Shelly verrà violentata e picchiata selvaggiamente, morirà in ospedale dopo dolorosa agonia. Il poliziotto Albrecht non può nulla in quanto intralciato da una ambigua figura di commissario e, così, per fare luce sulla loro morte ci penserà un misterioso corvo che, posandosi sulla tomba di Eric, gli permetterà di ritornare in vita per mettere in atto la propria vendetta.

Paese: USA
Durata: 102 min
Voto: 7,6
Guarda il 🎬 TRAILER ►



Commento

Leggendario, semplicemente leggendario. Ogni scena una frase stupenda, un film da vedere, per forza. Questo è l'unico film riuscito benissimo. Le continuazioni sono vergognose, da eliminare in onore di questo capolavoro.
Le case bruciano... le persone muoiono... ma l'amore vero è per sempre!

Avvertenza [VM16]: Sono presenti scene di nudo femminile, scene di stupro, moltissime scene di violenza, linguaggio volgare. Anche se il corvo è il buono della situazione, il suo aspetto potrebbe spaventare gli spettatori più giovani.



Spiegazione




Interpreti e personaggi

Brandon Lee (Eric Draven/Il Corvo), Rochelle Davis (Sarah Mohr), Ernie Hudson (sergente Darryl Albrecht), Michael Wincott (Top Dollar), Bai Ling (Myca), Sofia Shinas (Shelly Webster), Anna Levine (Darla Mohr), David Patrick Kelly (T-Bird), Angel David (Skank), Laurence Mason (Tin Tin), Michael Massee (Funboy), Tony Todd (Grange), Jon Polito (Gideon), Bill Raymond (Mickey), Marco Rodríguez (Torres, ispettore della omicidi), Kim (Annabella).



Curiosità

Alcune curiosità contengono spoiler.

- Il film è tratto dall'omonimo fumetto di James O'Barr.

- L'attore protagonista morì il 31 marzo 1993, quando mancavano tre giorni alla fine delle riprese del film, a causa di un frammento di bossolo contenuto nell'arma caricata a salve.

- Tutti ormai sanno che l'attore protagonista, Brandon Lee, morì sulla scena durante le riprese del film.
Subito dopo la sua morte, però, si sparsero voci riguardo il suo possibile assassinio, e la voce secondo cui la scena nella quale l'attore viene mortalmente ferito era stata lasciata nel montaggio finale del film.
Alcuni suggeriscono che Lee sia stato ucciso dalla stessa Mafia Cinese che uccise nel 1973 il più noto padre Bruce Lee, come punizione per l'esposizione dei segreti delle divine arti marziali nei suoi film. Altri ancora sono sicuri che ci sia di mezzo la Yakuza giapponese, in particolare quella che si muove dietro l'industria cinematografica.
La semplice verità è che Brandon Lee venne ucciso da uno spiacevole incidente, risultato della distrazione e del disordine organizzativo, e la tragica scena non venne usata nel montaggio del film.
Secondo i giornali e la stampa specialistica, la scena in questione fu girata il 31 Marzo 1993, a Wilmington, nel North Carolina. La scena riguardava la morte del personaggio impersonato da Lee, Eric Draven, e risultava essere una scena portante per le vicende del film. Lee doveva camminare attraverso una porta, portando una borsa contenente droghe. A quel punto l'attore Micheal Massee, nella parte di FunBoy, avrebbe dovuto sparare una revolverata a Lee. Per completare l'effetto realistico, una piccola carica esplosiva era contenuta nella valigetta portata da Lee. Sfortunatamente, un frammento del proiettile a salve, usato in precedenza per le scene dei dettagli, fu sistemato nel tamburo della pistola, e nello sparare ancora il frammento finì addosso a Brendon, ferendolo mortalmente.
Si disse poi che le scene della sua morte erano state distrutte; altri dissero che erano state sequestrate dalla polizia di Wilmington come prova investigativa. Le inchieste successive confermarono la morte di Brandon Lee accidentale, e la responsabilità fu attribuita alla negligenza della troupe, senza trovare diretti responsabili. In ogni caso il film fu completato, anche grazie a tagli di altre scene e a "trucchetti" digitali. Venne così anche rifatta e rielaborata la scena della morte di Draven, attraverso l'uso di una controfigura. Nonostante la falsità della notizia, al pubblico piacque crederci, quasi a celebrare il martirio di un eroe, dove l'attore e il personaggio diventino un tutt'uno e si fondino insieme.

- Il soggetto è tratto dall'omonimo fumetto di James O'Barr ma l'adattamento cinematografico ha subito alcune modifiche. Ad esempio, nel fumetto Eric è invulnerabile; invece nel finale del film egli perde i poteri. Secondo il copione questo accade perché a quel punto la sua vendetta è ormai compiuta, e ciò gli viene rivelato da uno spirito guida, chiamato Skull Cowboy, che lo avverte sul sagrato della chiesa dove avverrà lo scontro finale con Top Dollar. In fase di montaggio, però, le scene con questo inquietante personaggio furono eliminate e la produzione decise di dare maggior risalto alla simbiosi tra l'uomo ed il corvo, evidenziando la nuova vulnerabilità di Eric nel momento in cui l'uccello viene ferito.

- La scena in casa di Albrecht doveva essere più breve; la parte finale, in cui Eric ricorda Shelly con affetto ("...ma credimi, niente è insignificante.") non era presente nel copione ed è stata improvvisata dai due attori.

- La scena in cui Eric viene scagliato dalla finestra non è stata girata (come erroneamente si crede) con l'aiuto della controfigura. Un video tratto dal DVD in versione Collectors Edition (ma presente anche su youtube), nel quale son presenti vari spezzoni del dietro le quinte del film, mostra un set nel quale Lee è attaccato ad un elastico, con le gambe e le braccia protese verso il basso, e la scena viene girata da una telecamera piazzata sotto di lui. Lee si sposta con l'elastico dal basso verso l'alto ma la scena verrà poi modificata col computer in modo da sembrare una caduta.

- Il capo della banda T-Bird, durante l'aggressione, dileggia un brano che legge su un libro di Shelly, e lo ricorda nel momento in cui riconosce Eric nel corvo che sta per ucciderlo: il brano è tratto dal quarto libro di Paradiso Perduto di John Milton.

- Eric uccide i membri della banda nello stesso ordine in cui essi hanno violentato Shelly.

- Il crudele Top Dollar, il boss dei boss mandante dell'omicidio di Eric e Shelly, non viene mai chiamato per nome nel corso del film e i personaggi gli si riferiscono usando espressioni come lui o il grande capo. Il suo nome (per chi non abbia letto il fumetto) si scopre durante i titoli di coda.

- Per una tragica ironia, lo stesso Lee, come Eric, avrebbe dovuto sposarsi entro poco tempo: le nozze con la sua fidanzata, Eliza Hutton, erano previste a meno di tre settimane dalla conclusione del montaggio. Il film è dedicato a loro.

- Nel film, Eric è il cantante e chitarrista della band degli Hangman's Joke. Un gruppo di gothic metal con questo nome esiste davvero e si è formato nel 1995, in Svizzera.

- Inizialmente Brandon Lee voleva che il film fosse girato in bianco e nero per rifarsi all'omonimo fumetto e usare il colore solamente nelle scene di Flashback, ma i produttori non furono d'accordo.

- Cameron Diaz rifiutò il ruolo di Shelly perché non le piaceva la sceneggiatura.

- Per la parte di Eric inizialmente doveva essere destinata a River Phoenix e poi a Christian Slater, entrambi declinarono.

- Eric Mabius, che fu il protagonista de "Il corvo 3 - Salvation", fece l'audizione per il ruolo di Funboy.

- La regia del film fu proposta inizialmente a Dario Argento, che però rifiutò.

- Il cognome di Eric nel film è Draven, che in inglese foneticamente suona come "The Raven", cioè "il corvo".

- Per interpretare Eric, Brandon perse 7 kg.

- Nel 2016 è mort l'attore che uccise per sbaglio Brandon Lee sul set. Michael Massee da allora non si riprese più dallo stato di depressione e all'età di 61 anni è morto stroncato da un tumore al cervello. "Credo che non ci si possa mai riprendere da una cosa del genere", aveva detto Massee in un'intervista del 2005.

- La poesia che Eric recita quando irrompe nel negozio di Gideon è "il Corvo"(The Raven) di Edgar Allan Poe. Eric dice "Suddenly I heard a tapping..." mentre il poema di Poe recita "Suddenly there came a tapping."

- L'uccello usato nel film è un corvo comune (corvus corax). Il corvo comune è considerato il più abile di tutti gli uccelli. Molto importante è il suo collegamento con la mitologia scandinava, infatti si pensava che il corvo fosse un messaggero di morte.

- Uno dei corvi usati per il film, Magic, fu usato anche in tutti i sequel.

- La pellicola si avvalse di una sofisticata tecnica di computer-grafica che permise di sovrapporre il volto di Brandon Lee, "ritagliato" da alcune scene scartate, al corpo di una controfigura. Le controfigure di Brandon sono state CHAD STAHELSKI (accreditato come Chad Storelson) e JEFF CADIENTE.

- Il Film fu girato a Wilmington, NC, USA e Nacogdoches, Texas, USA.

- Il Corvo nel suo primo weekend di programmazione (dal 13 al 15 maggio 1994) ha incassato $16,025,309 , la cifra più alta fino a quel momento per un film Miramax. Alla fine del mese incassò $42,683,404 in totale. Il successo arrivò anche in Europa, in nazioni come Germania, Francia, Spagna e Inghilterra. Ma un successo senza precedenti si ebbe in Italia dove diventò quasi un fenomeno nazionale, battendo film come "True Lies" e "Speed" usciti nello stesso periodo.

- CAMEO: David J. Schow, lo scrittore è uno dei primi uomini ad essere uccisi nello scontro a fuoco durante la riunione delle gang. Lo vediamo cadere e poi sparire sotto il tavolo. James O'Barr è quello che ruba una TV dopo che il negozio di Gideon salta in aria ed è in fiamme.

- Nel 1996 è uscito il sequel intitolato Il corvo 2, ma non ha avuto lo stesso successo.



Le scene girate dopo la morte di Brandon


- Quando Eric entra nell'appartamento dopo essere uscito dalla tomba, la camminata sotto la pioggia di Lee è stata usata per la sequenza di entrata in casa, rifinita poi con la computer grafica.

- Lo stacco di Eric che cade dalla finestra è stato creato in digitale sovrapponendo la faccia di Lee (compreso il sangue simulato) su una controfigura.

- La scena dove Eric si trucca la faccia è stata filmata usando una controfigura. La faccia che si riflette nello specchio è di Lee, alterata digitalmente per adattarsi alle schegge.

- Nella scena dove Eric cammina attraverso la finestra con il corvo sulla spalla, c'è una controfigura, sulla quale è contrapposta la faccia di Lee nelle scene illuminate dai lampi.

- Quando Sarah visita l'appartamento non vediamo mai Eric in faccia infatti non è Lee ma una controfigura.

- Quando corre sui tetti

- Quando suona la chitarra sui tetti



Colonna sonora

  1. BURN (The Cure)
  2. GOLGOTHA TENEMENT BLUES (Machines of Loving Grace)
  3. BIG EMPTY (Stone Temple Pilots)
  4. COLOR ME ONCE (Violent Femmes)
  5. Dead Souls (Nine Inch Nails)
  6. DARKNESS (Rage Against the Machine)
  7. SNAKEDRIVER (The Jesus & Mary Chain)
  8. TIME BABY III (Medicine)
  9. AFTER THE FLESH (My Life With The Thrill Kill Kult)
  10. MILKTOAST (Helmet)
  11. GHOSTRIDER (Rollins Band)
  12. SLIP SLIDE MELTING (For Love Not Lisa)
  13. THE BADGE (Pantera)
  14. IT CAN'T RAIN ALL THE TIME (Jane Siberry)



Frasi celebri

Continua a leggere su Le più belle frasi del film Il corvo - The Crow


CONDIVIDI SU 👇

Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".