Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV




Una poltrona per due (1983)


Trama del film commedia "Una poltrona per due" del 1983 con Dan Ayjroyd ed Eddie Murphy: frasi celebri, spiegazione, curiosità, colonna sonora e attori del cast.

Una poltrona per due (Trading Places) è un film commedia del 1983 diretto da John Landis ed interpretato da Dan Aykroyd, Eddie Murphy.



Acquista su


Trama

Da una parte abbiamo Louis Winthorpe III, un broker che lavora presso la società Duke & Duke e che se la passa molto bene, in quanto vive in una splendida casa e può permettersi persino un maggiordomo. Dall'altra, invece, Billy Ray Valentine, un mendicante che finge di essere cieco e invalido a seguito della guerra (che non ha mai combattuto) in Vietnam. I due si incontrano casualmente e finiscono per essere le vittime di una scommessa segreta fatta dai fratelli Duke. Mortimer Duke sostiene che il successo di una persona dipenda dalla persona, mentre il fratello Radholph è convinto che sia l'ambiente che lo circonda a condizionare il suo cammino. Per questa ragione invertono i ruoli dei due protagonisti: rovineranno la vita di Louis fino a renderlo uno straccione e invece premieranno Billy Ray, facendogli fare la vita che ha sempre sognato.

Paese: USA
Durata: 117 min
Voto: 7,5
Guarda il 🎬 TRAILER ►



Commento

Pellicola perfettamente riuscita, dopo decenni ancora senza pecche. Murphy rinuncia alla sua solita macchietta per entrare in un personaggio più interessante anche se comico, Aykroyd è strepitoso con l'aria persa che sa avere solo lui, la Curtis riesce ad aggiungere pepe e zucchero ad ogni commedia che interpreta. Ameche e Bellamy viscidi e odiosi quanto basta. Elliott il maggiordomo una chicca, da mangiarselo. Regia scoppiettante, dialoghi brillanti, colonna sonora divertente. Da guardare più di una volta.

Avvertenza [VM14]: Scene di nudo femminile, linguaggio volgare, presenza di droga.



Spiegazione




Interpreti e personaggi

Dan Aykroyd (Louis Winthorpe III), Eddie Murphy (Billy Ray Valentine), Ralph Bellamy (Randolph Duke), Don Ameche (Mortimer Duke), Denholm Elliott (Coleman), Jamie Lee Curtis (Ophelia), Paul Gleason (Clarence Beeks), Frank Oz (poliziotto corrotto), James Belushi (Harvey), Bo Diddley (proprietario di un monte dei pegni), Stephen Stucker (capostazione), Kristin Holby (Penelope Witherspoon).


Curiosità

- Il film era stato concepito per la coppia Gene Wilder - Richard Pryor. Ma quando Pryor ha abbandonato e Eddie Murphy è salito a bordo ha fatto una mozione per ottenere la sostituzione di Wilder perché non voleva che la gente pensasse che lui era “un altro Pryor”.

- Il ruolo di Valentine doveva essere inizialmente interpretato da John Belushi. Dopo la sua morte venne chiamato Eddie Murphy.

- Nella camera da letto di Ophelia (Jamie Lee Curtis) c’è la locandina di un film: See you next wednesday. È un film immaginario ma si vede anche in altri film di John Landis: Un lupo mannaro americano a Londra, The Blues Brothers, Il principe cerca moglie e anche in Thriller (il video di Michael Jackson).

- Ray Milland è stata la prima scelta per il ruolo di Mortimer Duke.

5. Il titolo originale era Black and White.

- Don Ameche (Mortimer Duke) si è trovato in difficoltà quando alla fine doveva gridare la parola “Fottere” ad un gruppo di dirigenti di Wall Street. C’è stata una sola ripresa perché l’attore si rifiutò di farne una seconda. O così o basta.

- Il numero di prigione affibbiato a Louis (Dan Aykroyd) è il 7474505B, lo stesso dato a Jake (John Belushi) in The Blues Brothers.

- Nel 2006 la rivista Premiere ha votato questo film come una delle “50 migliori commedie di tutti i tempi”.

- Randolph Duke ha una foto di Ronald Reagan sul ​​suo tavolo mentre Mortimer ha una foto di Richard Nixon.

- Quando Winthorpe e Valentine arrivano al World Trade Center, Winthorpe dice a Valentine: “In questo edificio o si uccide o sei ucciso”. La frase è stata rimossa da alcune trasmissioni televisive dopo il 2001, in segno di rispetto per le vittime degli attacchi dell’11 settembre.

- I titoli di testa sono sulle note dell’ouverture da Le nozze di Figaro di Mozart, mentre quelli di coda cominciano con le note di Non più andrai farfallone amoroso, sempre della stessa opera.

- Nella commedia Il principe cerca moglie (di John Landis - 1988) c’è una piccola citazione del film. Vediamo infatti Randolph e Mortimer Duke vestiti da barboni.

- James Belushi interpreta Harvey, l’uomo travestito da gorilla.

- L'attrice che interpreta Muffy è Kelly Curtis, la sorella di Jamie Lee Curtis.

- Mentre stava girando il film Jamie Lee Curtis ha abitato nell’appartamento di Marlene Dietrich, il 12E al 993 Park Avenue di Manhattan. Jamie era stata fidanzata con il nipote di Dietrich, lo scenografo J. Michael Riva.

- Le riprese esterne della casa di Louis Winthorpe sono di una vera casa in una strada molto ricca a Philadelphia. Per la ghirlanda sulla porta i produttori volevano qualcosa di veramente grande: hanno così preso in prestito una corona di fiori da una casa dall'altra parte della strada.

17. La trama è simile a quella di Hoi Polloi (1935), un film con I Tre Marmittoni: un professore vuole trasformare tre spazzini maldestri in gentiluomini.

- Eddie Murphy ha ammesso che durante la scena nella Borsa ha seguito il copione perché non capiva niente, trovava infatti la compravendita di azioni incredibilmente confusa.

- Data l'ambientazione natalizia della pellicola, dal 1997 è diventata una consuetudine della televisione italiana trasmettere Una poltrona per due nella programmazione televisiva della vigilia di Natale.

- Il titolo originale del film doveva essere Black and White, ovvero "bianco e nero", ma poi si optò per Trading e Places, cioè "posti scambiati", espressione che fa riferimento anche ai luoghi in cui avvengono le transazioni finanziarie, come la Borsa di Wall Street in cui è ambientata la scena finale. Da noi si fece invece una scelta diversa, ribattezzandolo Una poltrona per due.

- Per quanto il film vanti un'ottima sceneggiatura, alcune scene sono il frutto dell'improvvisazione degli attori sul set. Nella sequenza in treno, ad esempio, Jamie Lee Curtis si finfe svedese perché non era riuscita a riprodurre l'accento austriaco/tedesco, com'era nelle intenzioni originali degli autori.

- Oltre a essersi rivelato un grande successo commerciale, diventando negli Usa uno dei campioni d'incasso dell'annata 1983, Una poltrona per due ha ottenuto anche ottime critiche e si è aggiudicato pure una nomination agli Oscar, per la miglior colonna sonora originale firmata da Elmer Bernstein.

- Nella scena in cui Louis Wnthorpe III (Dan Aykroyd) viene arrestato, il numero della foto segnaletica è esattamente lo stesso di Jake Blues (John Belushi) nel film The Blues Brothers: 7474505B.

- Bo Diddley interpreta la parte del proprietario del monte dei pegni, in cui Dan Aykroyd impegna il suo orologio in cambio di una pistola e dei soldi.



Colonna sonora

  1. OVERTURE, MARRIAGE OF FIGARO (Wolfgang Amadeus Mozart)
  2. ANDANTE CANTABILE (Wolfgang Amadeus Mozart)
  3. OUT OF THE SHEETS-INTO THE STREETS (David C. Williams)
  4. DO YOU WANNA FUNK (Sylvester)
  5. ORALEE COOKIES (Nicholas Guest & Robert Curtis Brown)
  6. THE LOUIS WINTHORPE III BLUES (Michael Lang)
  7. JINGLE BELL ROCK (Brenda Lee)
  8. THE BIG WALTZ (Lyn Murray)
  9. THE LOCO-MOTION (Little Eva)
  10. GET A JOB (The Silhouettes)
  11. Pomp and Circumstance March op.39 No.1 (Edward Elgar)



Frasi celebri

Continua a leggere su Le più belle frasi del film Una poltrona per due



Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".