Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV




Lost (Serie TV 2004–2010)


Trama della serie tv "Lost" (2004-2010) con Matthew Fox e Terry O'Quinn: frasi celebri, spiegazione del finale, curiosità, colonna sonora, attori e personaggi.

Lost è una serie televisiva statunitense di genere avventura-fantascienza, creata da J. J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber ed interpretata da Matthew Fox, Terry O'Quinn, Evangeline Lilly, Josh Holloway. La serie tv è costituita da 6 stagioni andate in onda dal 2004 al 2010.






Trama

Il 22 settembre 2004 l'aereo di linea 815 della compagnia australiana Oceanic Airlines, in volo da Sydney a Los Angeles, si schianta presso un'Isola apparentemente disabitata. I 48 sopravvissuti si accampano sulla spiaggia e si organizzano per resistere fino all'arrivo dei soccorsi, che però tardano ad arrivare. Ben presto, però, scoprono che il loro aereo è uscito dalla rotta prevista di circa mille miglia e che l'isola è teatro di una serie di eventi apparentemente inspiegabili. Nel tentativo di trovare un modo per fuggire, si renderanno conto che altre persone, prima di loro, sono naufragate su quell'isola e probabilmente sono ancora lì. Nel frattempo, iniziano a nascere amicizie e tensioni tra i vari superstiti, le cui storie personali celano molti segreti, con cui saranno costretti a confrontarsi.

Paese: USA
Durata: 40 min (episodio)
Voto: 8,4
Guarda il 🎬 TRAILER ►



Commento

Lost è una serie cult per il suo genere. La prima stagione è estremamente coinvolgente e magnetica. Si vuole sapere subito cosa succederà nella puntata successiva. Gli interrogativi e gli enigmi vengono introdotti lentamente per dare il tempo allo spettatore di digerirli. I flashback servono per delineare i vari personaggi. Fino alla terza stagione tutto fila liscio poi la situazione si complica e la trama segue più piani, indizi, misteri, enigmi, sempre con i flashback onnipresenti.

Avvertenza [VM14]: Linguaggio inappropriato, scene di violenza, scene di tensione frequenti, scene disturbanti.



Spiegazione




Interpreti e personaggi

Naveen Andrews (Sayid Jarrah), Emilie de Ravin (Claire Littleton), Matthew Fox (Jack Shephard), Jorge Garcia (Hugo "Hurley" Reyes), Maggie Grace (Shannon Rutherford), Josh Holloway (James "Sawyer" Ford), Malcolm David Kelley (Walt Lloyd), Daniel Dae Kim (Jin-Soo Kwon), Yunjin Kim (Sun-Hwa Kwon), Evangeline Lilly (Kate Austen), Dominic Monaghan (Charlie Pace), Terry O'Quinn (John Locke), Harold Perrineau Jr. (Michael Dawson), Ian Somerhalder (Boone Carlyle), Adewale Akinnuoye-Agbaje (Mr. Eko), Michelle Rodriguez (Ana Lucia Cortez), Cynthia Watros (Libby Smith), Henry Ian Cusick (Desmond Hume), Michael Emerson (Benjamin Linus), Elizabeth Mitchell (Juliet Burke), Nestor Carbonell (Richard Alpert), Kiele Sanchez (Nikki Fernandez), Rodrigo Santoro (Paulo), Jeremy Davies (Daniel Faraday), Ken Leung (Miles Straume), Rebecca Mader (Charlotte Staples Lewis), Jeff Fahey (Frank Lapidus), Zuleikha Robinson (Ilana Verdansky), Mark Pellegrino (Jacob), Jon Gries (Roger Linus)



Curiosità

Alcune curiosità contengono spoiler.

- Durante una vacanza alle Hawaii nel 2003, l'allora proprietario della ABC Llody Braun, vide il film “Cast Away” e pensò a come trasformarlo in una serie tv.

- Propose quindi l'idea agli altri produttori, ma non riscontrò molto successo; Thom Sherman, a capo della sezione “drama” per il network però diede l’ok e assunse Jeffrey Lieber come creatore.

- Lieber volle cambiare il nome in Nowhere ma a Braun piaceva tantissimo il titolo Lost e così lo estromise dallo show, chiedendo aiuto a J.J. Abrams.

- A Lloyd Braun piaceva la parola Lost sin da quando vide il reality show omonimo mandato in onda dalla NBC nel 2001.

- L’episodio pilota è costato 13 milioni di dollari, record detenuto fino al 2008, quando fu superato da Boardwalk Empire, che lanciò un episodio pilota dalla cifra considerevole di 18 milioni di dollari.

- Forest Whitaker avrebbe dovuto prendere parte nel ruolo di James Sawyer, ma l’attore dovette rinunciarvi a causa di altri impegni.

- Jorge Garcia, nella serie Hugo Hurley Reyes, fece l’audizione per il ruolo di Sawyer, dato che il suo personaggio non esisteva ancora.

- Dominic Monaghan fece anche lui il provino per Sawyer, prima di essere scritturato nella parte di Charlie.

- Il personaggio di Garcia fu creato apposta per l’attore al fine di dargli una parte.

- J.J. Abrams avrebbe voluto Michael Keaton nel ruolo di Jack Shephard.

- Il personaggio di Jack, inizialmente, sarebbe dovuto morire durante l'episodio pilota, quindi immediatamente. Il direttore della ABC, Steve McPherson, non fu d’accordo con questa idea, dicendo che se fosse morto subito gli spettatori non si sarebbero fidati dello show. Le idee cambiarono e Keaton non fu scritturato. Al suo posto fu fatto morire il co-pilota dell’aereo.

- Lloyd Braun è la voce che annuncia “Previously on Lost”.

- Garcia fu notato da Abrams in un episodio di Curb your Enthusiasm, dove rimase impressionato e quindi determinato ad assumerlo.

- Nessun attore appare in tutti gli episodi della serie. Jorge Garcia fu quello con più presenze tra tutti gli episodi, ben 118 puntate su 121.

- Lo show fu girato quasi interamente alle Hawaii, sull’isola di Oahu. Solo alcune scene ebbero Londra e Los Angeles come location.

- Jorge Garcia fece installare una cassetta per le lettere nella sua casa alle Hawaii durante le riprese, in modo che gli sceneggiatori potessero mandargli direttamente sul posto tutti i copioni. Per paura che qualcuno rubasse gli scritti, Garcia sigillò con un lucchetto la casella postale del suo alloggio.

- Ian Somerhalder fu il primo attore ad essere scritturato, nel ruolo di Boone Carlyle. Purtroppo per lui, fu anche il primo a morire nella serie.

- Al Birmingham Southern-college è possibile iscriversi a un corso su Lost. Sembra strano ma è così, dove gli alunni apprendono le tematiche, la redenzione e la spiritualità che caratterizza la serie.

- Il produttore esecutivo Carlton Cuse era bloccato sull’ultimo numero della famosa sequenza numerica (4,8,15,16,23,42) e pensò al 42 a proposito della risposta numero 42 appunto, in Guida Galattica per autostoppisti. Nella serie di romanzi, infatti, il 42 rappresenta la risposta a tutte le domande fondamentali sulla vita e l’universo. È un concetto astratto che viene usato per riferirsi al vero “senso della vita”.

- I primi quattro numeri appaiono nel logo degli studios ABC mentre dei sei, il 23 è il più usato.

- Nei flashback di Ben Linus si vede sua madre, interpretata da Carrie Preston, che nella realtà è la moglie di Michael Emerson, attore che dà corpo al personaggio di Linus.

- Il primo episodio della seconda stagione è risultato essere il più visto della serie, con 23 milioni di spettatori.

- Il primo gommone dei naufraghi affondò nella prima stagione. Ne fu preso un altro, il quale però risultava troppo veloce per la barca con a bordo la camera per le riprese.

- Nel corso della serie vengono usati diversi anagrammi che se decifrati risultano essere dei mega spoiler, ad esempio “Gary Troup=Purgatory” o “Ethan Rom=Other Man”.

- Quando fu girata la scena del bacio tra Boone e Shannon, l’attrice Maggie Grace fece uno scherzo a Ian Somerhalder: prese delle pastiglie all’aglio e fumò un sigaro appena prima di iniziare a recitare.

- Il nome del personaggio di Akinnuoye-Agbaje, Mr. Eko, fu coniato proprio dall’attore stesso, che suggerì di cambiare quello originale, Omecca, in quanto Eko risale alla lingua tribale nigeriana, origine molto significativa per lui.

- Mr Eko doveva far parte dello show per 4 stagioni, ma Akinnuoye-Agbaje non volle continuare il progetto non trovandosi a suo agio alle Hawaii e quindi il suo contratto fu risolto.

- L’attore Lance Reddick fu scelto per la parte di Eko, ma declinò in quanto impegnato con The Wire.

- Terry O’Quinn, John Locke nella serie, camminava 12 miglia ogni giorno per andare e tornare dal set.

- Evangeline Lily, la quale interpreta Kate Austen, ebbe enormi difficoltà a presentarsi sul set, a causa di problemi legati al rilascio del suo Visto, in quanto cittadina canadese. I produttori pensarono di fare ulteriori cast e per poco non perse la parte.

- Durante la terza stagione, Daniel Dae Kim, nella serie Jin-Soo kwon, chiese a Lindelof e Cuse se avessero intenzione di far morire il suo personaggio, dato che stava per acquistare casa alle Hawaii.

- Yunjin Kim, la quale interpreta Sun-Hwa Kwon, moglie di Jin, fece l’audizione per la parte di Kate Austen, dato che come nel caso di Jorge Garcia, il suo personaggio non esisteva.

- I produttori furono molto impressionati dalla donna asiatica e decisero di ripercorrere la strada per Hugo Reyes, creando apposta per lei il personaggio di Sun.

- Yunjin durante le riprese disse a Cuse che il suo marito di scena non parlava il coreano veramente, erano parole inventate.

- Terry O’Quinn non dovette fare un provino ma ottenne subito la parte di John Locke.

- L’acronimo Dharma non è mai stato rivelato durante la serie e sta per Department of Heuristics And Research on Material Applications, (in italiano: dipartimento di euristica e ricerca nelle applicazioni materiali). Lo si può conoscere attraverso un gioco on line chiamato The Lost Experience.

- Inizialmente la Dharma Initiative doveva chiamarsi Medusa Corp.

- Alcuni spettatori affermano di aver intravisto il logo Dharma nell’episodio pilota, alle spalle di Walt Lloyd, sull’aereo, ma si tratta di un errore in quanto la società venne ideata solo nella seconda stagione.

- Restando sul personaggio di Walt Lloyd, l’attore che lo interpretava, Malcom David Kelley, aveva 10 anni quando iniziò, ma dopo due stagioni il suo fisico si sviluppò notevolmente. Poté tornare solo in alcuni flashforward, quando la sua età e fisico erano appropriati per il contesto.

- Un prete hawaiano fu portato sul set al fine di benedire cast e troupe prima di girare la sesta e ultima stagione.

- Quando finiì la serie, Lindelof prese il coperchio del bunker per farne un tavolino, mentre Il produttore Carlton Cuse invece si impadronì dell’orologio col conto alla rovescia sempre del bunker.

- I Subsonica, famosissima band torinese, hanno scritto una canzone dedicata alla serie, intitolata "Quattrodieci".

- Alcuni pezzi della carcassa dell’aereo schiantatosi sull’isola sono stati trasformati in strumenti musicali utilizzati per la colonna sonora dello show. L’idea fu di Michael Giacchino, l’autore delle musiche di Lost.

- Cuse non disse una parola agli attori a proposito dell’ultimo episodio dove si scopre tutta la verità, in modo tale avrebbero recitato meglio e con il pathos adeguato.

- Jorge Garcia si emozionò molto quando lesse la sceneggiatura dell’ultimo episodio, scoppiando a piangere.

- Durante il suo provino, Holloway – l’attore che interpreta Sawyer – dimenticò una battuta e la cosa lo fece arrabbiare così tanto da spingerlo a prendere a calci una sedia. Gli scrittori, però, furono affascinati da questa sfaccettatura del suo carattere che secondo loro, se attribuita al personaggio, lo avrebbe arricchito di più e reso molto più interessante. Da semplice artista/truffatore di Buffalo, dopo questa performance, viene destinato a diventare uno dei protagonisti indiscussi di Lost.

- Gli stivali indossati da Sawyer nello show arrivano direttamente dall’armadio di Josh Holloway. Li aveva posseduti per 12 anni e, in linea con il suo personaggio, venne deciso di farli indossare all’attore durante le riprese.

- In “Tutti odiano Hugo” (episodio 2×04) Hurley, nel suo sogno, è impegnato a bere del latte direttamente scatola … e boom! Lì, proprio sul cartone, è possibile vedere stampata la foto di Walt con scritto sotto la parola “scomparso”. Era già prevista la sua scomparsa...

- Vi ricordate "Misery non deve morire"? Il film diretto da Rob Reiner, tratto dal romanzo Misery di Stephen King? Beh, anche Terry O’Quinn durante le riprese di Lost dovette fare i conti con una fan un tantino invadente.
L’attore infatti, un giorno, di ritorno dal set, venne letteralmente sequestrato da una sua fan! Ecco cosa successe:
La donna, con la scusa di offrirgli un passaggio verso casa (lontana più di 12 miglia dal luogo delle riprese), lo fece sedere sul sedile posteriore e, anziché accompagnarlo al suo alloggio, lo portò nel suo appartamento a conoscere il marito.
“Devo assolutamente mostrarti a mio marito” disse la signora.
Sempre meglio che finire nelle mani della psicopatica Annie Wilkes.



Frasi celebri

Continua a leggere su Le più belle frasi di Lost



Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".