Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV




Frasi del film Chiedimi se sono felice


«Lo so, visti così sembravamo tre coglioni... e forse lo eravamo.»
(Frase celebre del film)

Titolo Originale:
"Chiedimi se sono felice" (2000)
Genere: Film commedia, drammatico
Regia di: Massimo Venier, Aldo, Giovanni e Giacomo
Protagonisti: Aldo, Giovanni e Giacomo

Trama breve: 
Giacomo va da John, un caro amico con cui aveva litigato tre anni fa e lo convince ad andare a visitare il loro terzo amico, Aldo, che si trova in Sicilia e a cui resta poco da vivere. Tutti e tre con carriere insoddisfacenti avevano un sogno nel cassetto: mettere in scena uno spettacolo tutto loro, ma troppe complicazioni ci sono di mezzo...
(Scheda completa)


Frasi celebri

Avete mai sentito di qualcuno che era felice mentre stava morendo? Forse quell'alpinista, l'ho letto sul giornale, che è arrivato su e non è più tornato giù. Ha raggiunto il suo scopo. Oppure quel sub che è andato giù e non è più tornato su. Ha fatto il suo record personale. Forse un sorriso gli è scappato. E poi ci sono io alla fine di questa storia... eccomi. Vi sembrerà strano ma, anche se sto per morire, sono felice! (Aldo)

Che cos'è il rancore? Il rancore è quella cosa... Che quando... Lo so, ti si... Eh la... Cioè il rancore, lo dice la parola stessa: ran-core, che la... Bisogna... Maria, ma proprio io dovevo fare la voce fuori campo! (Aldo)

Maria, che dolore! Ma porca miseria! Miliardi di piastrine perse per sempre!! (Aldo) [vedendo il sangue uscirgli dal naso dopo aver preso una testata da Dalia]

Le mutande! Quando le cerchi non si trovano mai! (Aldo)

Se non mi licenziano loro, mi licenzio da solo, perché li capisco. (Aldo)

[Ad Aldo] Certo che tu sei veramente il campione olimpico dei minchioni, eh! (Giacomo)

Lo so, visti così sembravamo tre coglioni... e forse lo eravamo. (Aldo) [raccontando della situazione lavorativa di lui, Giovanni e Giacomo]

Insomma credevamo che fosse uno di quei giorni in cui tutto sta per iniziare, invece era solo l'inizio della fine! (Aldo)

Chiedimi se sono felice! (Giacomo)

Ma cosa c'hai nel cervello? Le scimmie urlatrici? (Giovanni)

Anche mia nonna quando doveva mettermi le supposte da bambino me le spalmava sul sellino della bicicletta! (Giovanni)

Perché l'amore, quando ci si mette, è veramente bastardo. (Aldo)

Giacomino, ti prego, scarricamela! (Aldo)

Giacomo, guarda, parlare con te o parlare con Biscardi è la stessa cosa... (Giovanni)

Ma possibile che come ti muovi pesti una merda? In un colpo solo gli hai fatto fuori il lavoro e la fidanzata! Adesso prendi una macchina, gli metti sotto la madre e finisci il lavoro. E comunque Giacomino se ti chiedo un favore, domani, non farmelo! (Aldo)

Aldo, non è che perché hai un frigo degli anni '60 ci devi tener dentro la roba degli anni '60! (Giovanni)

Avete presente la teoria del piano inclinato? No? Ve la spiego. Se mettete una pallina su un piano inclinato la pallina comincia a scendere, e per quanto impercettibile sia l'inclinazione, inizia correre e correre sempre più veloce. Fermarla, è impossibile. Ma per fortuna gli uomini non sono palline: basta un gesto, un'occhiata, una frase qualsiasi a fermare il corso delle cose. ('Aldo, al pubblico')

No, non disturbatevi, restate sulla sedia, | signori mi presento, sono la commedia. [Applausi ed urla dal pubblico] | Non son fatto di ossa ma di atti | che vi lascino rimborsati o soddisfatti | il mio cuore è chiamato trama | gente che si odia e che si ama, | il mio sangue è tutto ciò che accade | dal bacio, al duello con le spade, | il mio cibo è il vostro battimani, | il veleno, gli attori cani. | Io sono la commedia e mi divido in atti | per raccontare a voi gli straordinari fatti | di questi cavalieri e della loro dama | di chi crede di amar | e di chi invece ama. | Si narrerà del poeta Cyrano e del suo naso | che pare modellato con lo stucco; | ma non ditelo all'attore, non è il caso, | perché ce l'ha davvero, mica è un trucco [Aldo si rivolge al pubblico indicando Giacomo, il pubblico applaude] | e di Cristiano, giovane cadetto, che si esprime poco meglio di un gibbone | ma ha fascino ed è di bell'aspetto. Un po' di fantasia questa è finzione, [Aldo si riferisce a Giovanni, il pubblico scoppia in una risata] | entrambi ardon d'amore, questo è il bello | per Rossana, cugina di Cyrano | di quest'ultimo adora anima e cervello | ma ama corpo e viso di Cristiano. | Ma l'ora dei preamboli è finita | è ora che si vada ad incominciare | a tessere la trama e poi l'ordito | a svolgere, cucire e ricamare; | che squillino le trombe signori spettatori | inizia la commedia, che parlino gli attori. [Aldo esce di scena, squilli di tromba, Giacomo inizia a recitare] (Aldo)

Cosa aggiungere potrebbe un narratore | a quanto già narrato dall'attore; | a me non resta altro che sparire, | fare un bell'inchino e poi svanire. | Come Cyrano che confessa e muore ai piedi del suo grande eterno amore, | anch'io finito il mio cammino mi accascio e vado verso il mio destino. | Che è quello di chi inizia e già finisce, | sboccia e dopo un attimo appassisce, | di chi vive soltanto un paio d'ore, | sperando in un applauso e dopo muore. [Aldo cade in terra] (Aldo)

Mio nonno diceva sempre: una bugia a fin di bene vale più di cinquecento verità. (Aldo)



Dialoghi

  • Aldo: Oh, eh, Giovanni, quando vuoi venire non ti fare scrupoli, eh? Questa casa è sempre aperta per te. Eh? Non ti fare scrupoli, vieni quando vuoi, hai capito?
    Giovanni: Scrupoli, è mia! Non è che...
    Aldo: Comunque, magari una telefonatina prima, eh? Oh, Giacomino, anche tu, quando vuoi venire vieni, qua la porta... Allora, qui gente che entra, gente che esce, la facciamo diventare quello che vogliamo!
    Giovanni: No!
    Aldo: Mangiamo, beviamo, di giorno, di notte...
    Giovanni: No!
    Aldo: ... ci ubriachiamo, eh, spacchiamo tutto, la radiamo al suolo questa merda di casa!
    Giovanni: Allora, no, no, no, un attimo! Mettiamo le cose in chiaro!
  • Giacomo: Allora, stavolta mi è proprio venuta una grande bella idea: e se rappresentassimo il Cyrano de Bergerac?
    Aldo: Ma Giacomino, Giacomino, sempre con queste americanate, finiscila, va!
    Giacomo: Americanate che cosa?! È francese, il Cyrano!
    Aldo: C'hai sempre ragione tu...
  • Giacomo: C'ho un turno di doppiaggio, Aldo.
    Giovanni: Cosa, devi scoreggiare mentre passa un treno?
    Giacomo: Ha parlato il mimetto Tutankamon. Perché non ci vai te allora?
    Giovanni: Che problema c'è?
    Giacomo: Eh, vai!
    Aldo [triste per ciò che stava per succedere]: Giovanni, fallo tu, ti prego... [Giovanni si rassegma] GRAZIE! [Lo bacia]
  • Giacomo: Va' che non ci vuole niente a scaricare le donne degli altri. L'unica cosa veramente importante è che non la lasci parlare: non deve avere il tempo di parlare. Devi essere lucido, freddo, distaccato.
    Giovanni: Tipo Zoff?
    Giacomo: Mmh, tipo Zoff.
  • [Pensando a una terza persona per la cena]
    Giacomo: Che poi, non è proprio doppia coppia doppia coppia, eh.
    Aldo: In che senso?
    Giacomo: Nel senso che c'è una loro amica che si è appena trasferita lì, non ho capito bene... Cioè, bisogna trovare un terzo amico per lei, se no non se ne fa niente...
    Aldo: E che problema c'è? Giovanni... mi passi il formaggio, per favore? Ci sarebbe Lello.
    Giacomo: Lello? Lello è pesante, dai!
    Aldo: Beh, un po' pensante è vero...
    Giacomo: Logorroico.
    Aldo: Eh, sarà pure logorroico ma parla troppo. Allora Brio.
    Giacomo: Brio potrebbe andar bene... se si lavasse!
    Aldo: No, non gli puoi chiedere una cosa del genere a Brio! Allora a Rudy!
    Giacomo: Rudy? Quello che frega le autoradio?
    Aldo: Non quel Rudy lì, l'altro...
    Giacomo: Non starai parlando di quello che fa la gara di rutti?!
    Aldo: Il due volte campione italiano di rutti!
    Giacomo: Cioè, portiam fuori uno che fa i rutti?!
    Aldo: Va be', conosciamo un vip buttiamolo via!
    Giacomo: Vabbè, ho già capito che di questa roba non se ne fa niente, grazie!
    Aldo: Ma che cretino! Uno c'ha la soluzione davanti agli occhi e non se ne avvede! Giovanni... non è che conosci qualcuno? Un amico? Un parente?
    Giovanni: Non conosco nessuno! [Sbattendo il tovagliolo sul tavolo]
    Aldo: Neanche un primate col pollice opponibile?
    Giovanni: Ma va a cagare, va!
    Giacomo: Ma dai Giova, era uno scherzo!
  • [Parlando della cena a tre, al supermercato]
    Giovanni: Allora, io venire vengo perché ormai ho promesso, giusto? Però qualcuno ha visto la ragazza? Non è che mi capita la solita pantegana?
    Aldo: Allora, ti capita quello che ti deve capitare, la pantegana o il cane-lupo che sia, comunque stiamo facendo un favore a Giacomino.
    Giovanni: E facciamogli 'sto favore...
    Aldo: E facciamogli 'sto favore, e non se ne parla più! Allora, torniamo a noi. Giacomino comunque, puoi leggere tutti i libri che vuoi, cosa che mi guardo bene dal fare...
    Giacomo: Vantati, eh...
    Aldo: Comunque Marco Ferradini è un tuttologo sull'amore.
    Giovanni: Allora, fatemi capire bene. La cena la facciamo per Giacomino, giusto? Quindi paga lui?
    Aldo: No! Ognuno mette il suo, braccino corto!
    Giovanni: Vabbè, io la mia parte l'ho già messa.
    Giacomo: Messo cosa?
    Giovanni: Le 500 lire del carrello!
    Giacomo: Va be' ma poi te le riprendi!
    Giovanni: Intanto lì è un capitale immobilizzato, e gli interessi, pemm, si impennano!
    Giacomo: Interessi cosa?
    Giovanni: Lascia perdere, cosa ne sai tu di economia, Giacomo?
  • Aldo: Continuiamo, va'. Fuori dal letto...?Fuori dal letto?
    Giacomo: Nessuno è perfetto.
    Aldo: [urlando] Nessuna pietà! Nessuna pietà! Ma come devo fare con te? Attitudini sull'amore nessuna! [Mentre camminano per i reparti di un supermercato Aldo cerca di spiegare a Giacomo come deve trattare una donna seguendo una nota canzone di Marco Ferradini di cui Giacomo non riesce a ricordare le parole]
  • Marina: Giovanni, non senti uno strano odore?
    Giovanni: Di cosa?
    Marina: Di bruciato?
    Giovanni: Ah sì è vero, c'è l'arrosto nel forno.
    Aldo: Lo sento pure io.
    Silvana: No no, io non sento proprio odore di bruciato.
    Aldo: E c'avrai le mucose andate...
  • Marina: Quindi io e te saremmo la terza coppietta?
    Giovanni: No, cioè no, io non sapevo neanche che tu venivi, perché se no non avrei accettato, eh?
    Marina: Ah, grazie.
    Giovanni: No, nel senso... cioè... non che avrei accettato... cioè...avercene! ..­.No, cioè, avercene in senso buono... cioè in senso... scusa...
  • Beppe il ladro: Dammi il portafoglio!
    Aldo: Ok, ma non mi puntare l'arma addosso.
    Beppe il ladro: [Prende e apre il portafoglio] Ma è vuoto?!
    Aldo: Eh, tu il portafoglio mi hai chiesto...
  • Giacomo: Smettila di buttarti giù, quante volte te lo devo dire, vedrai che va tutto a posto! Del resto tu sei un ragazzo intelligente, eh, si vede!
    Beppe: Da cosa?
    Giacomo: ...Beppe, son frasi fatte, è per dire... Non è che devi star lì ad approfondire tutto...
  • Giovanni Ciao Beppe!
    Beppe: Magari ci sentiamo...
    Giovanni: Ma sì, figurati!
    Beppe: Allora buonanotte, eh, ciao.
    Giovanni: Buonanotte... Ciccio! [Ferma Beppe che se ne stava andando con la sua bici] Eh, eh! La bicicletta!
    Beppe: Aaahhh...
    Giovanni: Eh, aaahhh... E intanto eh, track! Ti ci sei affezionato! Ecco, Beppe, cerca di perdere il vizio, eh!
  • Giacomo: Giovanni guarda, non so proprio come dirtelo, ma i mobili di tua madre fan veramente cagare.
    Giovanni: Ma cosa ne vuoi capire tu Giacomo, non sai neanche cos'è una pialla!
    Giacomo: Ma cosa c'entra? Non è che uno deve costruire i mobili per saperli apprezzare!
    Giovanni: No caro: chi sa fare, sa capire!
    Giacomo: Ma che cazzo di proverbio è?
    Giovanni: Non è un proverbio: è la vita, Giacomo.
  • Giacomo: Abbiamo incontrato Francesca che piangeva! Cosa le hai fatto?
    Aldo: Niente!
    Giacomo: Senti furbino, non è che per caso ti sei messo anche con lei?
    Aldo: No!
    Giacomo: Di' la verità!
    Aldo: Sì...
    Giovanni: Scommetto che ti ha beccato con un'altra eh?
    Aldo: No!
    Giovanni: Di' la verità!
    Aldo: Sì...
    Giacomo: Certo che tu sei veramente il campione olimpico dei minchioni!
  • Giacomo: Be', immagino Elena che tu abbia già avuto esperienze teatrali...
    Candidata attrice: Io sì. E voi?
    [I tre si guardano imbarazzati]
    Giacomo: Comunque la commedia sarebbe il Cyrano di Bergerac.
    Aldo: Sì, Bergerac... Che sarebbe anche l'autore. [La candidata se ne va]
  • Giacomo: Immagino che tu abbia già avuto esperienze di teatro...
    Candidata attrice: Be', sì... ho lavorato con Albertazzi...
    Aldo: Però... Albertazzi... il grande Albertazzi... il grande e irreprensibile Albertazzi! Mammamia, non sapevo che facesse anche teatro. [La candidata se ne va]
  • Giacomo: Certo che è una situazione Kafkiana...
    Aldo: Ma, precisamente, questo Kafkian, chi è?
  • Giovanni: [Al venditore di snack sul treno] Che tipo di panini avete?
    Venditore: Abbiamo prosciutto, formaggio, prosciutto e formaggio...
    Giovanni: Prosciutto cotto o crudo?
    Venditore: Cotto.
    Giovanni: No, non mi piace... e formaggio?
    Venditore: Formaggio.
    Giovanni: Ho capito, ci son tanti tipi di formaggio: stagionato, molle, filante...
    Venditore: Senta, io stamattina mi sono alzato alle 6.
    Giovanni: E io alle 5!
    Venditore: Sì. A che ora è andato a letto?
    Giovanni: Non so, sarà stato 11 e mezza, mezzanotte...
    Venditore: Alle 2.
    Giovanni: Ah be' allora... formaggio! Mi scusi.
    Venditore: Bravo.
    Giovanni: Me lo può scaldare per favore?
    Venditore: Certo. [Prende il panino e lo mette contro il finestrino su cui batte il sole] Se ha una mezz'oretta...
  • Giovanni: Io ero a Francoforte, e tu l'hai baciata!?
    Giacomo: Sì... ma Giovanni...
    Giovanni: Stai zitto! Io ero a Francoforte, e tu l'hai baciata!? Mi fai schifo, Giacomo!
    Giacomo: Ma Giovanni, posso spiegare...
    Giovanni: Ma spiegare che cosa? Sei veramente un bastardo, Giacomo! Non ti voglio più vedere! Per me non esisti più!
    Aldo: Ma dai, Giovanni! È solo un bacio...
    Giovanni: Qualcuno t'ha chiesto qualcosa?
    Aldo: [Si giustifica perplesso] No... un bacio... è solo un apostrofo rosa fra le parole franco e forte!
    Giovanni: Ma che cazzo stai dicendo? Mi prendi anche per il culo?
    Aldo: Sono confuso, scusa...
    Giovanni: E poi tu lo sapevi e non mi hai detto niente?
    Aldo: No, io non lo sapevo...
    Giovanni [Sempre più arrabbiato]: Anzi peggio: tu mi hai mandato a Francoforte per lasciare lui [spingendo forte Giacomo] da solo!
  • Giacomo: Giovanni, ma sono fasi del rapporto queste qua.
    Giovanni: Si fasi del rapporto...
    Giacomo: Giovanni, sono cose che si dicono.
    Giovanni: Eh cose che si dicono...
    Giacomo: Senti Giovanni, però, non c'è bisogno di ripetere tutto quello che ti dico, il dialogo è fatto di botta e risposta!
    Giovanni: Eh si, botta e risposta... Botta e risposta...
    Aldo: Giacomino, anche tu, sei bravissimo a scarricare, ma per riconciliare una coppia sei una merda proprio!
  • Zia di Aldo: Spero solo di sentire presto gli zoccoli del cavallo di San Bartolomeo.
    Giacomo e Giovanni: Eh, sì...
    Zia di Aldo: Che venga a pigghiasselo col suo sacco nero! Così smette di soffrire!
    Giacomo e Giovanni: Signora, un po' di ottimismo, però!
    Zia di Aldo: E questo ottimismo è!
    Giovanni: Ah questo è ottimismo? Chissà il resto...


CONDIVIDI SU 👇

Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".