Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV




Frasi del film Now You See Me - Maghi del crimine


Le più belle e celebri frasi del film "Now You See Me - Maghi del crimine", film thriller del 2013 con Mark Ruffalo, Morgan Freeman e Jesse Eisenberg.

«Il trucco c'è, ma non si vede.»
(Tagline del film)

Titolo Originale:
"Now You See Me" (2013)
Genere: Film thriller
Regia di: Damien Chazelle
Protagonisti: Mark Ruffalo, Morgan Freeman, Jesse Eisenberg

Trama breve:
I Quattro Cavalieri sono un super team di illusionisti che mette a segno inspiegabili furti, come derubare banche in un altro continente e persino il proprio sponsor per poi donarlo al pubblico, il tutto nel corso delle proprie esibizioni in pubblico. In questo gruppo fanno parte un cartomago, un'escapologa, un mentalista e un prestigiatore. Una squadra dell'FBI è sulle loro tracce per porre fine a questo "gioco" che ha creato grossi problemi a persone ricche e potenti.
(Scheda completa)



Frasi celebri

E tu, Warren Bitty: ogni volta che vedrai o soltanto penserai a Janet visualizzerai me... nudo! E non sono un bello spettacolo. (Merritt McKinney)

Ok. Quindi a quanto pare nessuno di noi è il prescelto assoluto. Permettetemi di essere il primo a mettersi l'ego sotto i piedi. (Merritt McKinney)

Signore e Signori... Questa sera, noi rapineremo una banca! (Daniel Atlas)

Quindi può avvicinarsi, anche, anche braccarmi, perché più vicino crederà di essere, in realtà meno vedrà! (Daniel Atlas)

Prima regola di un mago: essere sempre quello più sveglio nella stanza. (Daniel Atlas)

Abbiamo a che fare con una cosa più grande di noi... (Alma Dray)

Ti è mai successo di percepire qualcosa che non vedi ma sai che c'è? (Alma Dray)

Quando schioccherò le dita tu non ricorderai più niente. (Merritt Mckinney)

Ha detto che non hanno rubato i soldi. - Ho detto che non hanno rapinato la banca.

Volevamo portare il mondo a uno spettacolo di magia e, così, restituire un po' di magia al mondo.

Malgrado le messinscena alla Robin Hood, i tuoi ladri non sono altro che comunissimi ladri.

La magia è un inganno studiato per intrattenere ed è basato sulla fede e sulla fiducia.

Dobbiamo catturare David Copperfield e soci!

È inutile parlare col testimone. - Perché? - Lui crede che sia avvenuta una vera magia!

La lettura della mente non è una scienza ma solo intrattenimento!

Come numero finale, faremo una cosa mai vista su un palcoscenico, nè da nessun'altra parte. Questa sera noi rapineremo una banca. - Wow, quanto interesse per un crimine!

Lei, mio caro, non può arrestarmi altrimenti ammetterebbe istituzionalmente la magia.

Nessuno di noi è il prescelto, permettetemi di mettermi l'ego sotto i piedi.

Odio i maghi perché sfruttano la gente. - Perché? - Li fanno credere in qualcosa solo per rendergli la vita più sopportabile.

100 trucchi diversi o un'unica gigantesca illusione?

Lei vuole cavalcare il loro successo, io voglio disarcionarli.

Mi sembra di vedere uno che porta i pesi alle caviglie e anche le pinne!

Quando un mago agita la mano e dice: «Qui è dove sta avvenendo la magia», il vero trucco avviene da un'altra parte. (Thaddeus Bradley)



Dialoghi

  • J. Daniel Atlas: Avvicinatevi. Più vicini. Perchè più pensate di vedere, più sarà facile ingannarvi. Adesso scorrerò queste carte, e voglio che tu ne scelga una. Non questa, è troppo ovvia. Fa molta attenzione. Troppo veloce? Lo rifaccio. Sei pronta? Ok. Ne hai scelta una?
    Spettatrice: Si.
    J. Daniel Atlas: Te la ricordi bene?
    Spettatrice: Si.
    J. Daniel Atlas: Vedi la tua carta qui?
    Spettatrice: No.
    J. Daniel Atlas: Perchè stai guardando troppo da vicino. Che cosa ho ripetuto tutta la sera? Che più da vicino guardi...
    Pubblico: ...meno vedrai.
  • Spettratrice: È sempre il sette?
    J. Daniel Atlas: So fare quel trucco in 52 modi.
    Spettratrice: E sai fare 52 trucchi su di me?
    J. Daniel Atlas: Potrei provarci...
  • J. Daniel Atlas: Non ti preoccupare, ti richiamo.
    Spettratrice: Ma se non hai nemmeno il mio numero.
    J. Daniel Atlas: Io sono magico, lo troverò. Buona notte.
    Spettratrice: Quanto sei stronzo.
  • J. Daniel Atlas e Henley Reeves: La porta è chiusa.
    Jack Wilder: Oh, no, non c'è- non c'è mai niente di chiuso.
  • Dylan Rhodes: Avvicinatevi. Più vicini.
    J. Daniel Atlas: Perché ora conoscete il nostro segreto.
    Merritt McKinney: Potremmo essere ovunque... e osservarvi.
    Henley Reeves: Cerchiamo qualcuno che ci aiuti con il nostro prossimo trucco.
    Jack Wilder: Al mio tre, aprite gli occhi e ditemi cosa vedete. Uno, due...
  • Thaddeus: La sua banca è stato il diversivo mentre organizzavano il vero trucco.
    Arthur: Per lei 140 milioni di dollari sono un diversivo?!
  • Dylan: Ora ti avverto: io manterrò la mia determinazione più a lungo di quanto tu manterrai quella falsa arroganza e nell'istante in cui si vedrà una leggera crepa in quella facciata spavalda io ti prenderò, io ti braccherò come se fossi...
    Michael: Come se fossi un animale? Scusi mi è sfuggito... La avverto io: voglio che mi segua perché pensa di sapere molto ma noi saremo sempre un passo, tre passi, sette passi avanti e quando crederà di averci in pugno spunteremo alle sue spalle. Sarà sempre esattamente dove io ho programmato, quindi può avvicinarsi, anche braccarmi perché più vicino crederà di essere, in realtà meno vedrà...



Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".