Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV




The Terminal (2004)


The Terminal è un film commedia-drammatico del 2004 diretto da Steven Spielberg ed interpretato da Tom Hanks, Catherine Zeta-Jones e Stanley Tucci.







Trama

Viktor Navorski è un cittadino della Krakozhia (una nazione immaginaria dell'Est Europa); si trova nell'aeroporto di New York perché deve sbrigare delle importanti faccende personali ma si vede negato il visto perché nel suo paese è avvenuto un colpo di Stato. Il capo della sicurezza gli spiega la situazione e, pur non conoscendo l'inglese, Viktor si rende conto che tutto quello che può fare è rimanere nel terminal e aspettare. Mentre le settimane diventano mesi, Viktor ormai riuscito a trovare il sistema per sopravvivere, scopre il mondo del terminal fatto non solo di persone che vanno e vengono ma anche di persone che come lui ci "vivono" in quel posto, come gli addetti alla sicurezza, alla manutenzione, le hostess ecc.

Paese: USA
Durata: 130 min
Voto: 7,3
Guarda il 🎬 TRAILER ►



Commento

Dopo Cast Away Hanks si ritrova prigioniero del terminal JFK di New York, non può uscire, non può rientrare, senza denaro, la sua vita in mano della burocrazia. Poi c'è il jazz, l'amore che ti può sbattere la porta in faccia in qualsiasi momento, il non sogno americano. Film carino per l'idea originale ma a tratti irritante perché troppo mieloso. Passabile.

Avvertenza [T]: Alcune termini inappropriati e alcuni riferimenti sessuali.



Spiegazione




Interpreti e personaggi

Tom Hanks (Viktor Navorski), Catherine Zeta-Jones (Amelia Warren), Diego Luna (Enrique Cruz), Barry Shabaka Henley (Ray Thurman), Stanley Tucci (Frank Dixon), Chi McBride (Joe Mulroy), Kumar Pallana (Gupta Rajan), Zoe Saldana (ag. Torres), Eddie Jones (Salchak), Michael Nouri (Max), Jude Ciccolella (Karl Iverson), Corey Reynolds (Waylin), Guillermo Díaz (Bobby Alima), Rini Bell (Nadia), Stephen Mendel (steward di prima classe), Valeri Nikolayev (Milodragovich), Ana Maria Quintana (ispettore governativo), Bob Morrisey (ispettore governativo), Benny Golson (sé stesso).



Curiosità

- Il film è ispirato alla storia vera del rifugiato iraniano Mehran Karimi Nasseri: giunto nel 1988 all'aeroporto di Parigi "Charles de Gaulle", dopo essersi visto rifiutare il visto di ingresso dal Regno Unito a seguito del furto del suo passaporto, le opportunità offerte dalle Autorità francesi furono due: il rimpatrio o la permanenza in Francia. Mehran Karimi Nasseri ha vissuto nel "Terminal 1" dell'aeroporto della capitale francese sino ad agosto 2006. Sembra che la DreamWorks abbia versato all'iraniano 250.000 di dollari per poter sfruttare la sua biografia e farne un film.

- La lingua originale parlata da Viktor in alcune parti del film è il bulgaro, mentre i suoi articoli sono scritti in russo.

- L'etichetta del barattolo di arachidi non è né russa, né bulgara.

- Nella libreria Viktor si mette a leggere il libro "Oh, the Places You'll Go!" del Dr. Seuss.

- Il film prevedeva un finale differente (nel quale Amelia andava a New York con Viktor), ma le anteprime presso il pubblico convinsero Spielberg a girarne un altro. Il ritardo nella lavorazione ha fatto slittare il successivo progetto di Spielberg, Munich, ma gli ha dato la possibilità di iniziare prima le riprese de La guerra dei mondi.

- L'aeroporto in cui è stato girato il film è il Mirabel International Airport di Montreal, in Canada.

- Buona parte delle scene realizzate in interni è stata girata in un set realizzato appositamente all'interno di un hangar a Palmdale.

- Lucy, la ragazza con la valigia rosa che Viktor tenta di aiutare, è la figlia di Steven Spielberg, Sasha.

- La patente di guida mostrata da Viktor è in realtà una patente bielorussa appartenente ad una persona di sesso femminile.

- I tabelloni degli arrivi e delle partenze visibili nel film sono prodotti da un'azienda italiana, la Solari di Udine.

- Nel film compare, anche se per pochi minuti, il sassofonista jazz Benny Golson. La canzone da lui suonata, Killer Joe, è una sua nota composizione.

- Nel film Zoe Saldana interpreta un'impiegata di nome Torres, grande fan della serie di Star Trek (lo stesso nome Torres è preso da un personaggio di Star Trek: Voyager). L'attrice ha poi recitato la parte di Uhura nel film Star Trek del 2009, nel sequel Into Darkness - Star Trek del 2013 e in Star Trek Beyond del 2016.

- Nel film sono presenti due evidenti errori storici: Amelia racconta a Viktor che il croissant ha origine rumene quando invece è nato a Vienna, dove i pasticcieri della città creano un dolce dalla forma della luna crescente per festeggiare la vittoria dell'Austria contro i Turchi nell'anno 1683 e che Napoleone Bonaparte, dopo la sconfitta nella battaglia di Waterloo, scelse volontariamente l'esilio nell'isola di Sant'Elena, quando invece vi fu condotto dagli inglesi.

- I titoli di coda del film sono stati realizzati con veri autografi del cast tecnico ed artistico.

- È stato presentato, fuori concorso e come "evento speciale", alla 61ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.

- Il film è costato $60 milioni e ne ha incassati $218.7 milioni in tutto il mondo.



Colonna sonora

  1. Strangers in the Night (Strings Unlimited)
  2. Theme from a Summer Place (Starlite Orchestra)
  3. I Love New York (Steve Karmen)
  4. The Glory of Love (Big Bill Broonzy)
  5. Something in B-Flat (Benny Golson)
  6. For All We Know (Fred Coots e Samuel Lewis)
  7. Del' Divani (Vigen Derderian)
  8. Killer Joe (Benny Golson)



Frasi celebri

Continua a leggere su Le più belle frasi del film The Terminal


CONDIVIDI SU 👇

Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".