Frasi celebri dei Film, Telefilm e Serie TV




Bangkok, senza ritorno (1999)


Bangkok, senza ritorno (Brokedown Palace) è un film drammatico del 1999 diretto da Jonathan Kaplan ed interpretato da Claire Danes e Kate Beckinsale.






Trama

Le due amiche Alice e Darlene si sono appena diplomate e per concedersi un po' di libertà decidono di fare un viaggio in piena estate. Anziché andarsene alle Hawaii come avevano detto ai loro rispettivi genitori, si recano a Bangkok (Thailandia). Qui incontrano Nick, un ragazzo australiano, che le vorrebbe sfruttare a loro insaputa come corrieri della droga, ma le due ragazze vengono scoperte ai controlli dell'aeroporto e arrestate. Vengono condannate a 33 anni di reclusione presso il Brokedown Palace, un carcere da incubo. La loro libertà resta nelle mani di un onesto avvocato americano venuto in loro soccorso.

Paese: USA
Durata: 100 min
Voto: 6,4
Guarda il 🎬 TRAILER ►



Commento

Film duro e crudo che parla di amicizia al femminile. Finale che non ci si aspetta, triste e cattivo. Nonostante lo stato di angoscia che mi ha trasmesso, questo film l'ho trovato così poetico, triste e ricco di significato. È relativamente poco conosciuto ma di tutto rispetto... Bellissime e brave le due protagoniste e incantevole fotografia di una Thailandia tanto bella quanto crudele. È un po' la versione in rosa di "Fuga di mezzanotte", con le dovute proporzioni ovviamente...

Avvertenza [VM14]: Scene di nudo femminile in lontananza, il film suscita malinconia.



Spiegazione




Interpreti e personaggi

Claire Danes (Alice Marano), Kate Beckinsale (Darlene Davis), Bill Pullman ("Yankee" Hank Greene), Jacqueline Kim (Yon Greene), Lou Diamond Phillips (Roy Knox), Daniel Lapaine (Nick Parks), Tom Amandes (Doug Davis), Paul Walker (Jason non accreditato), Intira Charoenpura (prigioniera Shub).



Curiosità

- Il film non è basato su una sola storia vera, ma su molti fatti realmente accaduti.

- Le riprese vennero effettuate nelle Filippine a causa della brutta reputazione della Thailandia. Sono state così cambiate le scritte inglesi delle vie con quelle in Thai e un centro di igiene mentale è stato trasformato nella prigione di Brokedown Palace.

- Il film è stato vietato in Thailandia.

- Jennifer Love Hewitt ha perso il ruolo di Darlene a causa di impegni che le avrebbero impedito di girare.

- In un'intervista Claire Danes si è lamentato delle condizioni di vita nelle Filippine: il calore, l'umidità, la gente, gli scarafaggi, la sporcizia, i poveri e i disabili. In seguito a queste dichiarazioni è stata dichiarata "persona non gradita" dal governo filippino e per questo gli è stato impedito di entrare nel paese.

- Jennifer Love Hewitt ha perso il ruolo di Darlene a favore di Kate Beckinsale a causa di conflitti di programmazione.

- Paul Walker ha un cameo non accreditato come uno dei fidanzato delle ragazze nelle scene iniziali del film.

- Il film non fu un successo, ha incassato molto meno dei costi di 25 milioni di dollari.

- Tematicamente, il film è simile a Il tempo di decidere (1998) uscito solamente l'anno prima.

- Il titolo originale del film (Brokedown Palace) deriva da una canzone del gruppo musicale rock statunitense The Grateful Dead.



Colonna sonora

  1. Silence (Delerium)
  2. Policeman Skank - The Story of My Life (Audioweb)
  3. Party's Just Begun (Nelly Furtado)
  4. Waltz #7 Opus 64 #2 (Frédéric Chopin)
  5. Sunflower (T. Emery, G. Knowles, M. Morton)
  6. Fingers (Joi)
  7. Rock the Casbah (Solar Twins)
  8. Even When I'm Sleeping (Leonardo's Bride)
  9. Leave It Alone - Thai Version (Moist)
  10. Contradictive (Tricky, Larry Muggerud)
  11. Kickboxing Music (Hummie Mann)
  12. Naxalite (Asian Dub Foundation)
  13. Damaged (Tiffany Arbuckle)
  14. Deliver Me (Sarah Brightman)
  15. Bangkok (Brother Sun Sister Moon)
  16. The Wind (PJ Harvey)



Frasi celebri

Continua a leggere su Le più belle frasi del film Bangkok, senza ritorno


CONDIVIDI SU 👇

Nessun commento :

Posta un commento

Commentate ed esprimete il vostro giudizio personale sul film... ma senza spoilerare.
Usate un account Google/Gmail per commentare o la modalità "anonimo".